Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vittorio Sgarbi, Youtube fa marcia indietro e revoca la sospensione dei suoi video

  • a
  • a
  • a

Vittorio Sgarbi ha di nuovo il suo canale Youtube. E' stata infatti revocata la sospensione dei suoi video che era stata disposta dal colosso della condivisione video per delle presunte violazione nei contenuti caricati. E' stato lo stesso Sgarbi a dare la notizia della "grazia" ricevuta da Youtube tramite un messaggio nel suo profilo Facebook: "Amici, YouTube ha fatto marcia indietro, accogliendo il ricorso del mio ufficio stampa. Da oggi il mio canale è pienamente operativo", ha scritto nel pomeriggio di domenica 11 aprile.

 

 

Il parlamentare e sindaco di Sutri non ha risparmiato comunque critiche al colosso per quanto avvenuto: "Una piattaforma di proprietà di un’azienda americana non può limitare il diritto costituzionale, nel caso specifico quello di un parlamentare (quale io sono) di esprimere liberamente le proprie opinioni. Le cosiddette 'norme della community' (che secondo YouTube io avrei violato) non possono certo prevalere sulla nostra Costituzione. E poco importa se YouTube sia un’azienda privata: non può in alcun modo comprimere la libertà di espressione dei cittadini, ferme restando, ovviamente, le limitazioni previste dal nostro ordinamento legislativo".

 

Poi Sgarbi svela anche i perché della sospensione: "Nel caso oggetto della presunta violazione, tra l’altro, mi veniva contestato un video contenente opinioni sul ministro della salute (si fa per dire…) Roberto Speranza espresse durante una manifestazione pubblica a Firenze". Dunque per festeggiare insieme ai suoi amici lo sblocco del canale Youtube Sgarbi ripropone proprio il link del video che ha causato la sanzione poi ritirata "Ve lo ripropongo, ringraziandovi per i tanti messaggi di solidarietà e sostegno ricevuti, nonché delle proteste inoltrate da tutti voi a YouTube". Nei giorni di sospensione i video di sgarbi, sempre piuttosto seguiti, sono stati pubblicati nel suo profilo Facebook e nel profilo Youtube del suo ufficio stampa. Ora con lo sblocco è tornato tutto come prima.