Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Forza Italia, parla Marini: non mi faccio da parte

default_image

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

Mentre il suo ex amico e oggi arcinemico Francesco Battistoni ha detto che ci sta pensando, lui di sicuro non si candiderà. Ma non starà nemmeno alla finestra. Al prossimo congresso di Forza Italia, previsto per gli inizi del 2015, l'ex coordinatore provinciale Giulio Marini ci sarà. Magari solo come sponsor o portatore di voti di qualche giovane promessa del firmamento azzurro viterbese, piuttosto sbiadito negli ultimi tempi in verità. La stagione congressuale è già iniziata con il tesseramento, la campagna si chiuderà a fine novembre. E i big del partito berlusconiano si sono già messi in moto: Battistoni da una parte, Marini dall'altra, con i rispettivi fedelissimi, e un outsider in Maremma, il sindaco di Montalto di Castro (e da poco consigliere provinciale) Sergio Caci, il quale negli ultimi tempi si è ritagliato un ruolo di primo piano e che, secondo alcuni, potrebbe essere anche il candidato della pacificazione. Marini non lo dice ma ci crede poco: “Caci? La sua è una candidatura sicuramente aggregante ma non c'è solo lui”. Tradotto dal politichese: non sarà Caci il candidato di Marini, il quale ha evidentemente ben altri nomi da gettare nella mischia. Servizio completo sull'edizione in edicola del 6 novembre 2014 del Corriere di Viterbo