Cambio in maggioranza, De Lillo vice di Sgarbi

SUTRI

Cambio in maggioranza, De Mauro vice di Sgarbi

16.10.2019 - 14:30

0

"Prendo atto definitivamente che una maggioranza non c’è più, così come non c’è più la lista Rinascimento con cui sono stato eletto sindaco. A questo punto o cambio questa maggioranza inesistente oppure me ne vado”.
Vittorio Sgarbi è pronto a varcare il Rubicone e a dare vita a una nuova coalizione di governo della città di Sutri, con l’innesto di 4 esponenti di opposizione al posto dei 4 consiglieri che fanno, o dovrebbero fare, riferimento al suo vice Casini, con i quali i rapporti sono ormai alla frutta. L’operazione prevede il mantenimento dei 3 assessori Stefano Proietti, Claudia Mercuri e Giulia Cacchiarelli, vicini al primo cittadino, e la sostituzione dello stesso vicesindaco Felice Casini con Lillo De Mauro: “Persona colta, seria, grande studioso di Pasolini”, lo definisce il critico d’arte, che nell’attuale minoranza in qualche occasione ha già trovato una sponda.
Sgarbi si dice “isolato e assediato” da una maggioranza capricciosa nonché da famiglie locali che accusa di averlo ostacolato fin dal giorno dopo il suo insediamento. “Quando facevo il sindaco di Salemi in Sicilia, la vedova di Borsellino mi definì un missionario - attacca -. Rimasi lusingato ma purtroppo io non sono nato per fare il missionario, tanto più a Sutri. Quindi, o vengo messo nelle condizioni di fare il lavoro per cui sono stato eletto, cioè trasformare una bellissima città ma sconosciuta ai più in un luogo di cultura e in una meta turistica, cosa che sto già facendo con risultati evidenti, oppure andrò a fare il sindaco altrove”.
Ma Sgarbi sembra non avere alcuna intenzione di prendere cappello, come molti della sua maggioranza, ricorda, hanno fatto in questi 16 mesi “per motivi futili o pretestuosi”.
Il sindaco parla di atteggiamenti “violenti e parafascisti” da parte di politici locali “storditi”, “privi di capacità” e infedeli al progetto originario, quello della lista Rinascita, che all’indomani delle elezioni si è liquefatto. Quindi rievoca le tappe di una via crucis amministrativa, iniziata “dopo soli 3 mesi con l’uscita inspiegabile dalla maggioranza di Alessio Vettori”.
“Improvvisamente - continua il critico d’arte - ha iniziato a dire cose insensate a nome di un fantomatico movimento popolare. Successivamente anche altri eletti della lista civica che si era costituita intorno a me, dichiaravano la propria appartenenza o adesione a partiti: chi a Fratelli d’Italia, chi a Forza Italia, chi al Pd. Anche Carla Di Seri, che era stata mia cerimoniera, si è dimessa per diventare responsabile locale della Lega”.
Tante le scosse telluriche che hanno messo a rischio in questo primo anno di amministrazione la tenuta del Comune: dalle bordate dell’esponente di CasaPound (e cognato di Casini) Matteo Amori al niet opposto dalla maggioranza alla nomina di Fracesco Bigiotti, ex sindaco di Bagnoregio e artefice del “miracolo Civita” a pro-sindaco: “Avrebbe collaborato con me a titolo gratuito”, dice Sgarbi.
L’ultima goccia è stata, sottolinea il sindaco, il licenziamento dell’architetto Paolo Lateano, responsabile dell’area sviluppo culturale: “In tre mesi non è riuscito a far stampare un catalogo di una mostra. S’è mai vista una mostra senza catalogo?”. Qualche svarione linguistico sul decreto di rimozione dall’incarico di Lateano, appellato “archetto” invece che architetto, ha provocato l’intervento sdegnato di Alessio Vettori. “Ma si può perdere tempo dietro a simili sciocchezze?”, si chiede Sgarbi, che a proposito di problemi linguistici, cita anche le resistenze alle sue indicazioni di cambiare il nome del settore sviluppo culturale sostituendolo con un più semplice cultura e quello della polizia locale con municipale. “Per non parlare delle polemiche sollevate sull’inversione di un senso di marcia o della sostituzione di fioriere di plastica con altre in terracotta”, rimarca.
In un clima mai stato idilliaco, sottolinea Sgarbi, ulteriori turbolenze sono state provocate dalla mancata turnazione degli assessori, in base ad accordi tutti interni al gruppo di Casini: “Una turnazione che nessuno mi aveva mai comunicato, rispetto alla quale gli attuali tre assessori si sono opposti. Io non sono mai entrato nelle questioni di poltrone: gli assessori si sono scelti da soli all’inizio. Un’anomalia, rispetto alla quale non ho mai avuto però nulla da ridire. D’altra parte i patti erano chiari dall’inizio: io mi sarei dovuto occupare della promozione culturale di Sutri, mentre le questioni politiche erano di competenza del bravo Felice Casini. E’ stato lui a negoziare gli incarichi, ed è a lui che oggi 4 esponenti di maggioranza su 7 non rispondono più. Di fatto sono un sindaco isolato, mi definisco l’unico extracomunitario di Sutri, un paese dove non c’è nemmeno uno straniero”.
Sgarbi dichiara dunque scaduto il tempo dei capricci e apre a una nuova stagione politica con l’ingresso di De Mauro in giunta e dei suoi in maggioranza. Ma la parola “ribaltone” non l’accetta: “Sono stato il primo a condannare il premier Conte. Ma in questo caso il ribaltone lo hanno fatto loro, abbandonando la maggioranza. In questo primo anno, nonostante tutto, io ho reso Sutri una città degna di essere visitata. Ho trasferito la sede del Comune a Villa Savorelli, ho riaperto il museo Doebbing, ho organizzato la mostra in corso da Tiziano a Bacon, ho chiuso un accordo con la Soprintendenza per il biglietto unico che consentirà di visitare tutta l’area archeologica, dal mitreo all’anfiteatro. Ho dato ospitalità a Caffeina, che con il suo villaggio natalizio a partire dal 23 novembre porterà un afflusso di 80-100 mila persone. Ho fatto bene il mio lavoro e, se ci sono le condizioni, voglio continuare a farlo”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Conte e Sala a piedi a palazzo Marino, aperitivo in Galleria

Conte e Sala a piedi a palazzo Marino, aperitivo in Galleria

Milano, 21 nov. (askanews) - Lunga chiacchierata tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il sindaco di Milano Giuseppe Sala, che si sono spostati a piedi da palazzo Reale a palazzo Marino, prima dell'incontro ufficiale anche con la giunta milanese. Il sindaco e il premier si sono anche fermati per un aperitivo in un noto bar nella Galleria.

 
Blitz Gdf tra Roma e Napoli, 20 arresti per corruzione

Blitz Gdf tra Roma e Napoli, 20 arresti per corruzione

Roma, 21 nov. (askanews) - Corruzione, turbativa d'asta e falso nell'aggiudicazione di appalti pubblici. Sono le accuse che hanno portato all'arresto di 20 persone da parte dei militari del Nucleo Speciale Anticorruzione della Guardia di Finanza di Roma tra dipendenti pubblici e imprenditori tra Roma, Napoli e Frosinone. Decine le perquisizioni di uffici della Pubblica Amministrazione, società e ...

 
Berlusconi: "Torneremo presto al Governo"

Berlusconi: "Torneremo presto al Governo"

(Agenzia Vista) Zagabria, 21 novembre 2019 Berlusconi: "Torneremo presto al Governo" "Torneremo presto al Governo". Così il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, nel corso del suo intervento al congresso del Ppe a Zagabria. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Berlusconi: "Governo senza principi e senza valori"

Berlusconi: "Governo senza principi e senza valori"

(Agenzia Vista) Zagabria, 21 novembre 2019 Berlusconi: "Governo senza principi e senza valori" "Governo senza principi e senza valori". Così il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, parlando con i giornalisti a Zagabria durante il secondo giorno del congresso del PPE. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Renato Zero scatenato con i fans: "Bisogna darsi appuntamento anche per..."

Il concerto

Renato Zero scatenato con i fan: "Bisogna darsi appuntamento anche per..."

"Siamo ridotti così. Ormai bisogna darsi un appuntamento anche per...". Uno scatenato Renato Zero ringrazia i fans a modo suo durante il secondo concerto di Firenze in un ...

16.11.2019

Renato Zero in concerto, "Nei giardini che nessuno sa" tra gli applausi

Lo spettacolo

Renato Zero in concerto, "Nei giardini che nessuno sa" tra gli applausi Video

Un concerto straordinario. Renato Zero in un Nelson Mandela Forum di Firenze strapieno, venerdì 15 novembre ha letteralmente mandato in delirio i suoi fans con uno spettacolo ...

16.11.2019

Chiara Ferragni nuda su Instagran: ecco la foto

L'INFLUENCER SENZA VELI

Chiara Ferragni nuda su Instagram: ecco la foto

Chiara Ferragni ha postato su Instagram una sua foto nuda e subito i suoi fan sono andati in visibilio. La foto (che vedete dopo il testo) la ritrae seduta su un letto, ...

16.11.2019