Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il Comune deve spendere 9 milioni

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

“Ora ci sono i soldi a disposizione per gli investimenti e i lavori di manutenzione: gli assessori trovino il modo di spenderli”, lo ha detto l'assessore al bilancio e vicesindaco Contardo. Una sorta di sveglia per tutti i colleghi di giunta partita ieri a Palazzo dei Priori quando è stata organizzata una conferenza insieme al sindaco Arena che ha aggiunto: “Il primo anno è servito come rodaggio della macchina comunale. Ora non abbiamo più scuse: dobbiamo spingere sull'acceleratore. Assessorati e uffici diano il meglio”. Ieri mattina, i vertici dell'amministrazione comunale di centrodestra hanno detto come saranno spesi, entro il 2020, 9 milioni di euro tra investimenti disponibili (quasi 4 milioni), mutui (2 milioni) e altre spese per oltre 3 milioni. Certo, c'è la paura che parte di questi soldi rimangano non spesi e i lavori sbandierati restino un libro dei sogni; ma proprio per esorcizzare un'eventualità del genere, i due capi della giunta hanno avvertito gli altri assessori e i dirigenti: “Cambiare passo”. Infatti, la settimana scorsa buona parte dell'opposizione consiliare ha lanciato delle frecciate al curaro ad Arena e alla sua coalizione. Oltre alle pesanti critiche (“Un anno di nulla”), il panunziano Francesco Serra ha paventato la possibile maturazione di un nuovo soggetto politico che sta nascendo dentro al Consiglio comunale: per ora è una giunta ombra, ma potrebbe diventare qualcosa di più. Insieme al consigliere del Pd zingarettiano, ci sono il pentastellato Massimo Erbetti e Giacomo Barelli di Forza civica. Non riuscire a spendere tutti i soldi a disposizione, darebbe anche ulteriore vigore a questa iniziativa per ora in fase poco più che embrionale. In ogni modo, Arena e Contardo hanno parlato di 1.885.000 euro per riasfaltare la città, e di 635mila per gli asfalti delle frazioni. Di 143mila 493 euro per ripristinare i viali e per il verde pubblico. Per i marciapiedi di ponte dell'Elce e per il fosso Urcionio ci sono in tutto 470mila euro. Trecentomila sono messi a disposizione dello studio di fattibilità e per il progetto definitivo del completamento del teatro dell'Unione. Il piano terra dell'ex tribunale abbisogna di 50mila euro. Stesso importo per intervenire sulla torre di via Capocci. Altro mezzo milione servirà, inoltre, per completare il depuratore. Un milione e 96mila euro per i Servizi sociali. I canoni dell'acqua ammontano a 1,2 milioni. Contardo ha anche parlato di oltre due milioni di euro di mutui. Serviranno per la bretella e per il semianello di Santa Barbara (1 milione), per il progetto definitivo del secondo piano dell'ex tribunale, per completare Sallupara (300mila euro): “Il mutuo ha una durata di 20 anni con una rata annua di circa 130mila euro”, ha precisato il vicesindaco.