Nel Paese una rivoluzione politica ed economica? Forse

23 marzo 2013

23.03.2013 - 14:57

0

l concetto di rivoluzione, com’è noto, viene molto utilizzato sul piano teorico e, molto meno spesso, per fortuna, praticamente. A volte, anzi ultimamente sempre più spesso è frutto di metafore che lo traslano anche su assetti, come quelli economici che sono meno avvezzi alla sua applicazione. L’utilizzazione pratica di tale concetto è da ricondurre, almeno nelle aree geografiche evolute sul piano socio- economico, a lontani periodi della storia, quando le dittature erano presenti in molti paesi e, soprattutto, quando il benessere economico era considerato solo un’utopia. Il nostro Stato, negli ultimi decenni ha subito un primo processo rivoluzionario, seppure non violento, nell'anno 1992, allorché venne spazzata via un'intera classe politica per motivi che erano legati ad aspetti tipicamente economici che si basavano sul benessere di una classe sociale ottenuto a carico dello Stato e, quindi, di tutti i suoi appartenenti. In realtà, se visto il fenomeno con un’analisi più attenta, la gran parte dei cittadini ottennero una sorta di indiretto beneficio da tale cambiamento economico-sociale, dovuto all'innalzamento del tenore di vita e, conseguentemente, del potere di acquisto di ciascuno di loro. In buona sostanza, una classe politica con uno spessore culturale di ottimo livello e con una cognizione notevole dei meccanismi statuali aveva posto in essere una serie di modalità fraudolente che riuscivano a dirottare denaro pubblico verso destinazioni non proprie che, a sua volta, tuttavia, finivano nelle tasche dei cittadini perbene attraverso la macchina dell'impresa. Tutto ciò, è indubbio, creava benessere e, soprattutto, allargava le sacche di soggetti che da situazioni economiche modeste, salivano verso posizioni molto più edulcorate e bramate. Il problema relativo al modo con cui veniva implementato il benessere fu, giustamente, oggetto di attente valutazioni da parte degli organismi appositamente preposti a ciò, da parte delle nostre norme costituenti e si giunse ad una veloce disgregazione di tale meccanismo con un naturale cambiamento che, almeno in quel momento, parve essere migliore rispetto a quello precedente. In realtà nacque la famosa (o forse meglio famigerata) Seconda Repubblica che dette I nativi ad una serie di nuovi uomini politici con caratteristiche le più disparate, nuovi ma, a nostro modesto avviso, molto peggiori rispetto ai loro progenitori. La motivazione di tale asserzione? Facile a nostro avviso. Taluni furono gli allievi di quelli della prima repubblica, in realtà sarebbe meglio definirli come seconde linee e si sa bene che quando uno non è in prima linea ciò è dovuto al fatto che non ha spazio e, forse non ha anche caratteristiche per poterci stare. Già perché se c'è una grande colpa da attribuire a tanti uomini di grande spessore operanti nella Prima Repubblica è quella di non aver voluto far crescere I nuovi. Sembrava ci fosse un disegno apposito per non creare e far crescere una classe dirigente nuova quasi come se certi signori fossero immortali. La Seconda Repubblica per ovvie ed evidenti ragioni partì zoppa, si prospettavano soggetti senza alcuna cognizione del mondo politico a cui si aggiungevano novelli Savonarola e grandi illuminati cresciuti in un mondo (quello della Prima Repubblica) in cui il loro modo di fare impresa si basava su metodologie pseudo-duo politiche accompagnate da un sistema finanziario addomesticato e servente. Il resto è storia nota. Ci troviamo di fronte ad una nuova rivoluzione con annessa caduta dell'Impero (Seconda Repubblica) che ha visto la scomparsa di nomi e volti noti anzi notissimi, l'affossamento di tutto ciò che viene ritenuto vecchio non tanto e non solo in termini anagrafici quanto, piuttosto in termini di pseudo permanenza nei posti di potere che i nuovi rivoluzionari che si avvicendano nei ruoli con cadenze temporali limitatissime al fine di evitare prese di potere pericolose, vedono come fumo negli occhi. Il tutto condito con un (anzi due) guru che urla a mo' di venditore di pentole nelle piazze e che si improvvisa in show che attirano migliaia di soggetti che, purtroppo, non hanno più nulla a cui potersi attaccare se non ad una rivoluzione che si esercita non con I forconi ma con il dissenso gridato. Tutto ciò sarà sicuramente il ponte per un cambiamento, purtroppo, la situazione economica non è certo quella presente all'atto della caduta della Prima Repubblica. Oggi la gente che vive sotto soglia (ovvero al limite della povertà) è aumentata in modo esponenziale (si parla di quasi dieci milioni di persone) e le imprese di ogni ordine e grado, muoiono come formiche calpestate da una potente macchina schiacciasassi che procede inesorabile. Forse converrà domandarsi se non stia cambiando il mondo, se non dovremo tornare ad un regime di maggiore morigeratezza negli usi e costumi economici di ciascuno di noi e forse non sarà un caso se il nuovo Papa della chiesa cattolica abbia scelto di chiamarsi Francesco e non Francesco Saverio perché gesuita ma Francesco il poverello d'Assisi.

Mauro Paoloni
Ordinario di economia aziendale
all’università di Roma Tre

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Coronavirus, sotto controllo 5 italiani della nave Westerdam

Coronavirus, sotto controllo 5 italiani della nave Westerdam

Roma, 18 feb. (askanews) - C'erano anche cinque italiani fra i quasi 1500 passeggeri della nave da crociera MS Westerdam scesi per una pausa a Pnom Pehn, capitale della Cambogia; scesi senza controlli, e alcuni sono poi risultati positivi al test del nuovo coronavirus. I cinque italiani sono stati individuati; uno di loro è rientrato in Italia ed è monitorato costantemente dalle autorità ...

 
Alla Sapienza dottorato honoris causa per Liliana Segre

Alla Sapienza dottorato honoris causa per Liliana Segre

Roma, 18 feb. (askanews) - La senatrice Liliana Segre ha ricevuto oggi alla Sapienza di Roma il dottorato honoris causa in Storia dell'Europa in occasione dell'inaugurazione dell'anno accademico dell'università romana. "Ringrazio gli studenti, perché da nonna quale io sono ho ricevuto da loro molto di più di quanto ho cercato di dare in questi trenta anni" La senatrice è stata accolta dal rettore ...

 
Mobile world virus, la Gioconda nel nuovo murale di Tvboy

Mobile world virus, la Gioconda nel nuovo murale di Tvboy

Barcellona, 18 feb. (askanews) - "Voglio far riflettere sul fatto che la tecnologia sia un vaccino o un virus che ci rende schiavi", così lo street artist italiano Tvboy ha spiegato il suo nuovo murale a Barcellona che ritrae una Gioconda con mascherina e smartphone. L'opera, denominata "Mobile world virus", fa riferimento alla sospensione del MobILE World Congress (MWC) inizialmente programmato ...

 
"I'm Not Okay With This", primo trailer della serie Netflix

"I'm Not Okay With This", primo trailer della serie Netflix

Milano, 18 feb. (askanews) - Una liceale americana, o meglio "una noiosa diciassettenne bianca" come si definisce lei stessa, una vita complicata dalla morte del padre e la scoperta di possedere poteri soprannaturali. Da questo parte la nuova serie Netflix "I'm Not Okay With This", disponibile dal 26 febbraio. La protagonista è Sophia Lillis, già vista in "It". Una serie molto attesa vista la ...

 
Samanta Togni con il colbacco in testa tra la neve della Lapponia: "Ecco cosa abbiamo visto con mio marito"

Social

Samanta Togni con il colbacco in testa tra la neve della Lapponia: "Ecco cosa abbiamo visto con mio marito"

Samanta Togni e Mario Russo, bellissimi e sorridenti con il colbacco in testa, tra la neve della Lapponia. Il viaggio di nozze sta regalando alla coppia, che si è unita in ...

18.02.2020

Belen Rodriguez di nuovo incinta? La modella posta su Instagram la foto della sua ombra e alimenta i dubbi

Gossip

Belen Rodriguez di nuovo incinta? La modella posta su Instagram la foto della sua ombra e alimenta i dubbi

Belen Rodriguez di nuovo incinta? E' la stessa showgirl e modella argentina ad alimentare i dubbi. Lo fa pubblicando sul suo profilo Instagram una foto. E' un'immagine della ...

18.02.2020

Video Don Matteo 12, torna il prete detective: anticipazioni della quinta puntata

in tv

Video Don Matteo 12, torna il prete detective: anticipazioni della quinta puntata

Dopo i due rinvii consecutivi per via del Festival di Sanremo (6 febbraio) e della partita di calcio di Coppa Italia Milan-Juventus (13 febbraio), giovedì 20 febbraio alle 21,...

18.02.2020