Mai problemi economici del nostro Paese si trovano nelle agende?

 29 dicembre 2012

29.12.2012 - 13:57

0

L’ultima trovata della nostra classe politica del nostro Paese, vivente e nascente, sono le agende. Beninteso, non quelle cartacee od elettroniche. Con il termine agenda, se letto in chiave politico - sociale, intendiamo intendere un più o meno dettagliato documento contenente principi e dogmi che possano, almeno in via di principio, regolamentare la vita economica e sociale di un Paese.
Noi Italiani siamo degli innovatori, non c’è che dire. Una volta, quando noi studiavamo sui libri di economia, non c’erano agende (quelle infatti servivano solo per scandire il trascorrere del tempo ed annotarne i fatti), c’erano, piuttosto, seppure ripartite ed inserite ciascuna in logiche ideologiche diverse, chiare regole economiche, talune stigmatizzate, talune in via di evoluzione e talaltre solo in embrione o abbozzate e che aspettavano di essere adeguatamente sviluppate con studi e ricerche da parte del mondo della scienza economica.
Già il mondo della scienza economica quello degli Einaudi, dei Caffè e dei Carli, ovvero di tutti quei signori che non scrivevano certo agende con indicazioni generiche, ma veri e propri trattati di economia e che, ciascuno con le proprie caratteristiche, indicavano chiaramente le linee economiche da seguire ed anche laddove ne davano solo lo spunto, certamente, indicavano la via da seguire per poterne sviluppare i contenuti in maniera chiara e determinata. Non so quanti hanno letto la famosa agenda circolante in questi giorni sui principali mezzi di comunicazione sociale, ma per quelli che ne hanno avuto il privilegio e la pazienza e soprattutto, per quella parte di soggetti che era abituata ai principi chiari e sostanziali dettati dai nostri antenati economisti, non deve essere stato facile comprenderne il contenuto e, soprattutto, capire se ci sono indicazioni concrete per il futuro di questo nostro Paese. Peccato.
E dire che, almeno noi, eravamo rimasti molto ben impressionati dal discorso austero e a tratti anche, giustamente, ironico che il nostro presidente del Consiglio uscente aveva fatto al Paese. Pensavamo che l’annuncio di una sua agenda di fronte al popolo dei giornalisti ed ai suoi ministri quasi tutti schierati in prima fila (mancava quello dell’economia, forse un segnale?) avrebbe presupposto, nel leggerla, un contenuto altrettanto forte e pregno di indicazioni specie di carattere economico-sociale visto che, in tal senso, il Paese sta andando a rotoli. Invece? Che delusione, solo timidi accenni, sintetiche indicazioni qua e là. E la via maestra? I temi essenziali? Sviluppo industriale, fisco, università, ricerca, istruzione, sanità, ecc. ecc.?
Solo, a nostro modesto avviso, piccoli ed assolutamente sintetici cenni. Ancor peggio, poi, se si leggono i commenti, ovvero le agende dell’agenda. Già perché, ormai, non è più solo qualche economista di bassa statura (sotto ogni profilo) a dispensare consigli economici scarsamente attuabili e con pochissimo seguito, ma tutti coloro che, in qualche modo si occupano di politica, nella speranza di non essere travolti dall’insediamento di nuovi parlamentari scelti su Internet o da contestatori e/o rottamatori dell’ultima ora e di essere invece ripescati e reinseriti nel regno del dolce far nulla della politica, dispensano consigli e riempiono nuove agende delle agende delle agende.
Che triste teatrino di burle. Un governo uscente cui può attribuirsi il solo merito di averci fatto riassumere un poco di credibilità in Europa (in realtà missione non difficile dopo le corna, le attricette e le burle dei loro predecessori) ma, a fronte, il chiaro demerito di non aver fatto la benché minima politica industriale di sviluppo e crescita, di aver gigantescamente aumentato la pressione fiscale, di aver moltiplicato la disoccupazione, di non aver minimamente accresciuto l’università e la ricerca, di aver limitato con una ridicola spending review mal applicata la sanità pubblica e chi più ne ha, più ne metta, bene da un governo uscente come questo, visto che il suo presidente del Consiglio viene definito economista di chiara fama, ci saremmo aspettati, almeno in termini di prospettive economico-sociali, qualcosa di più concreto e, soprattutto, di più chiaro ed analitico per poter intraprendere una rapida e sicura strada di sviluppo e di ripresa. Invece no, solo dettami generici ed indicazioni che sembrerebbero avere solo uno scopo politico ed elettorale.
Staremo a vedere, intanto, aspettiamo e cerchiamo, modestamente e con umiltà, di fare considerazioni, nei prossimi giorni, di quelli che sono i problemi economici più gravi e di cercare almeno di capirne i contenuti.

Mauro Paolini

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Taglio Parlamentari, Gargani (Comitato per il No): "Il Parlamento non funzionerebbe"

Taglio Parlamentari, Gargani (Comitato per il No): "Il Parlamento non funzionerebbe"

(Agenzia Vista) Roma, 17 ottobre 2019 Taglio Parlamentari, Gargani: "Il Parlamento non funzionerebbe" "Con questa legge il Parlamento non funzionerebbe", così il Presidente del nascente comitato No al Taglio dei Parlamentari, Giuseppe Gargani, a margine della conferenza stampa tenutasi oggi alla Camera. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Regioni, De Micheli: "Rapporto improntato alla concretezza"

Regioni, De Micheli: "Rapporto improntato alla concretezza"

(Agenzia Vista) Roma, 17 ottobre 2019 Regioni, De Micheli: "Rapporto improntato alla concretezza" Le dichiarazioni del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti alla conferenza delle Regioni e delle Province Autonome. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Il video di "Non avere paura", il singolo di Tommaso Paradiso

Il video di "Non avere paura", il singolo di Tommaso Paradiso

Roma, 17 ott. (askanews) - E' arrivato il video di "Non avere paura", il singolo inedito di Tommaso Paradiso uscito su tutte le piattaforme digitali e in radio a fine settembre. Il brano (su etichetta Island Records) dell'ex Thegiornalisti, è entrato nella top 10 di tutte le classifiche, FIMI/Gfk, Airplay Earone oltre a Spotify, Apple Music, iTunes, e ha già superato 5 milioni di stream su ...

 
Regione Piemonte, Davide Crovella nuovo presidente del Consiglio delle Autonomie Locali

Regione Piemonte, Davide Crovella nuovo presidente del Consiglio delle Autonomie Locali

(Agenzia Vista) Piemonte-VdA, 17 ottobre 2019 Regione Piemonte, Davide Crovella nuovo presidente del Consiglio delle Autonomie Locali Davide Crovella è il nuovo presidente del Consiglio delle Autonomie Locali. Il risultato della votazione in consiglio regionale del Piemonte è di 2 schede bianche e 19 voti a favore del candidato unico della Lega. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Caffeina, divorzio da Viterbo: il Christmas Village emigra

Cultura

Caffeina, divorzio da Viterbo: il Christmas Village emigra

''Non ci sono le condizioni per fare il Christmas Village a Viterbo anche per il 2019". Caffeina prende cappello e va in esilio. Il presidente della Fondazione Carlo Rovelli, ...

08.09.2019

Francesca Lotta vince il premio dedicato a Mia Martini

SUTRI

Francesca Lotta vince il premio dedicato a Mia Martini

La splendida voce di Sutri, quella di Francesca Lotta, ha vinto la quinta edizione del Premio “Mimi Sarà” per la categoria over 40. La finale si è svolta domenica scorsa a ...

05.09.2019

Santa Rosa

PILASTRO

Il trasporto
della Minimacchina

Il trasporto della Minimacchina di Santa Barbara

25.08.2019