Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il grido degli operai: "Estate amara senza lo stipendio"

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Il loro Ferragosto sarà senza stipendio, su questo ormai gli operai della Maico si sono rassegnati. Tuttavia gli operai - circa 36 su un totale di 58 dipendenti - della ex Edilgori di Orte non si arrendono e ieri hanno “alzato la voce” con una manifestazione lungo il raccordino che da Orte va verso la rotonda del casello. Erano presenti anche i sindaci di Orte e Vasanello, Angelo Giuliani e Antonio Porri oltre al vice sindaco di Bassano in Teverina. “Estate amara X gli operai della Maico” si legge nel lenzuolo issato dagli operai che hanno manifestato. I lavoratori protestano per il ritardo cronico nel pagamento degli stipendi (sempre intorno a un mese) e il mancato versamento, da quando è entrata la Maico della previdenza complementare per il Tfr. LA MANIFESTAZIONE DEGLI OPERAI (Guarda le foto) “A poco - spiegano Sandro Canepuccia della Fenal Uil e Antonio Nicoletti della Fillea-Cgil - sono serviti gli accordi dei mesi scorsi: ci era stato detto che il Tfr sarebbe stato versato con una rateizzazione invece così non è stato. Ormai riscontriamo da anni dei rapporti difficili con i rappresentanti dell'azienda qui a Orte”. Per quanto riguarda gli stipendi, il 4 è stato pagato quello di giugno, mentre quello di quello luglio, che doveva essere pagato ieri, per adesso non c'è traccia. L'azienda aveva proposto un acconto di 350 euro, ma gli operai hanno rifiutato la proposta. Il 24 agosto incontro dal Prefetto. ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DELL'11 AGOSTO E NELL'EDICOLA DIGITALE