Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

"Nessuna sorpresa da Silvia Lallini”

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

“Riguardo alle squallide chiacchiere che girano a Orte, posso senza ombra di dubbio asserire che il consigliere Silvia Lallini non entrerà in nessuna maggioranza se non quella nata dalle urne del maggio 2014; e comunque si muoverà in simbiosi con quel gruppo di 6 consiglieri che per molteplici motivi hanno contestato l'operato del sindaco Moreno Polo”. Sono le parole di Federico Cornici, che un anno fa ha concorso alle elezioni amministrative per il rinnovo del Consiglio comunale, nella lista che poi avrebbe vinto: il Quadrifoglio di Polo e Dino Primieri. Molto vicino all'ex assessore e ex consigliere Antonio Bobboni, Cornici difende Lallini dalle “chiacchiere” che si sentono. Poi, risponde alle critiche salaci del movimento Futuro presente. “In merito ai futuristi - scrive Cornici in una nota - si facessero eleggere prima di ergersi a paladini della verità”. Marina Pea e Matteo Paladino, di Futuro presente, sul loro blog avevano scritto (fra le altre cose): “(...) Rispediamo al mittente ogni accusa: se Giuliani & co. stanno cercando di entrare in maggioranza, sono liberissimi di farlo, ma senza incensarsi come salvatori della patria e senza coinvolgerci nelle polemiche sull'aumento delle tasse. Orte Città nuova vuole davvero farsi rappresentare da Polo come sindaco? Nulla in contrario, ma bisogna prima far legittimare questa manovra dagli elettori. Non può esistere, nemmeno per un breve periodo, un'amministrazione comunale diversa da quella eletta dai cittadini. Questi ragionamenti possono essere riportati fedelmente anche per smentire quanto scritto sul blog del Quadrifoglio, in cui è uscito un comunicato talmente uguale alle posizioni di Orte Città nuova che sembra scritto dalla stessa penna. È chiaro che quelle parole non rappresentano il sentimento comune dell'intero gruppo di maggioranza, per cui ci limitiamo ad evidenziare il paradosso di un coordinamento politico che coordina un movimento che non esiste più. Polo ormai guida una nuova coalizione in cui è presente anche Orte Città nuova, non certo il Quadrifoglio”. In ultimo, ma non in ordine di importanza, ecco la lapidaria frase del segretario comunale del Pd, Angelo Zeppa: “La parola sia restituita ai cittadini”. Alessandro Quami