Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Parcheggio Molegnano, stangata per i non residenti

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Una vera e propria doccia fredda per i pendolari che lasciano abitualmente la macchina nel parcheggio di località Molegnano, l'area in cui posteggiano ogni giorno moltissimi lavoratori e altrettanti studenti dei paesi limitrofi. Ebbene, dopo la buona notizia che dal 1° ottobre partirà la nuova gestione della struttura e finalmente i parchimetri accetteranno carte di credito e prepagate. Non solo, si potrà pagare anche tramite una specifica App, cosicché si potrà prolungare il pagamento della sosta qualora servisse, viene anche resa pubblica la nuova tariffazione. Sulla spinosa vicenda che ha tenuto banco tutto lo scorso anno, interviene il Partito democratico, che afferma: “Il divario di trattamento tra residenti e non residenti si amplifica sempre di più. Solo per i non residenti è stata prevista una maggiorazione di ben 13 euro mensili passando da 24 a 37 euro, mentre per i residenti la tariffa resta invariata”. “Riteniamo che 444 euro l'anno - argomentano dal Pd - siano una tariffa troppo esosa per chi già deve affrontare la spesa di 590 euro annui per l'abbonamento del treno e le spese di viaggio quotidiane. I pendolari hanno già dichiarato battaglia al sindaco Giuliani. Se la situazione non dovesse cambiare, la giunta comunale potrebbe trovarsi sommersa dai ricorsi. Ma ciò che temiamo è che la rabbia e la frustrazione delle persone possa dar luogo ad atti vandalici come il segnale di divieto di transito in via Leonardo da Vinci tranciato e gettato nella cunetta o ad un parcheggio selvaggio per le vie dello Scalo. La giunta Giuliani è espressione di quella parte politica che ha fatto dello slogan ‘Prima gli Italiani ‘ il proprio cavallo di battaglia, ma in questa situazione si è spinta oltre, in tema di discriminazione. Lavoratori e studenti sono categorie da tutelare e agevolare, non certo da bersagliare economicamente”. “Invitiamo quindi - concludono gli esponenti del Partito democratico - l'assessore Proietti e la giunta ad un tempestivo ripensamento”.