Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

I 38 anni dell'Avis, tutti i premiati

Esplora:

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Complessivamente sono state cinquanta le benemerenze assegnate ai donatori Avis, tra medaglie di rame per otto donazioni, argento per sedici, argento dorato per trentasei, oro per cinquanta e oro con rubino per il traguardo di settantacinque donazioni. Riconoscimenti e premi consegnati ai volontari in base al numero delle donazioni effettuate e l'anzianità di iscrizione. Un bilancio più che positivo per la sezione Avis Montefiascone che ha celebrato domenica, trentotto anni di vita con la “Festa del donatore 2019”. Raccolte inoltre ventiquattro sacche di sangue che si sono aggiunte alle trentatré già raccolte il 5 agosto, portando così l'associazione a raggiungere anche nel periodo estivo un risultato significativo. “Dalle 8 del mattino sono state effettuate le donazioni tramite l'autoemoteca a piazzale Roma – afferma il presidente, Mauro Marinelli -. La tradizionale festa è proseguita nel giardino comunale con la deposizione della corona al monumento dei caduti e poi nella basilica di San Flaviano, dove si è svolta la messa alla presenza delle autorità civili e militari, il sindaco Massimo Paolini, i rappresentanti delle strutture provinciali e regionali dell'Avis tra cui il presidente provinciale Biffaroni e la consigliera regionale Belardini. Presenti anche i rappresentanti delle associazioni di volontariato, di quartiere e d'arma della città”. Ma il momento centrale dell'evento è stato proprio la consegna delle benemerenze, maturate in base alle donazioni effettuate. Nel corso della cerimonia, il presidente ha inoltre illustrato l'attività della sezione avisina. “Sono stati messi in evidenza – conclude Marinelli - i risultati raggiunti, le difficoltà e la necessità di incrementare la raccolta del sangue per via della carenza generale di sangue e per le potenzialità ancora inespresse del paese. Saluti, riconoscimenti e ringraziamenti sono stati espressi dai rappresentanti delle strutture associative sovraordinate all'Avis di Montefiascone”. Come da tradizione, la giornata si è conclusa con il pranzo presso l'Isola Blu tra consensi, bilanci, premi e la soddisfazione per il volontario e prezioso gesto della donazione.