Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Arancineria Trinacri, un angolo di Sicilia nel cuore medievale di Viterbo

Contenuto sponsorizzato

  • a
  • a
  • a

Massimo Delfino ha lanciato la sua attività proponendo i sapori rivisitati dell’isola

L’obiettivo è di valorizzare le materie prime locali, creando proposte davvero imperdibili

Un pizzico di Sicilia in pieno centro storico a Viterbo, con un tributo alla tradizione romana. Si tratta di Arancineria Trinacria, di recentissima apertura su impulso del suo mastro arancinaro Massimo Delfino. Grazie alla sua lunga esperienza in questo settore del food il titolare, che da oltre quarant’anni vive in Tuscia, dà al territorio un assaggio dei sapori siciliani più tipici. Non ci sono solo arancini, dai sapori peraltro rivisitati sul gusto della cucina laziale, ma anche i famosi cannoli e la pasta di mandorle, prodotti con ingredienti provenienti esclusivamente dalla Sicilia. Tramite la vendita al minuto e il servizio di consegne a domicilio Arancineria Trinacria permette sia ai turisti che si addentrano nelle vie medievali di Viterbo sia ai più veraci locali di conoscere la terra in cui Massimo è cresciuto. Cotto e mozzarella, asparagi pancetta e mozzarella, zucchine o norma, fino alla cacio e pepe e la carbonara. Non si tratta dei piatti di pasta più notoriamente romani, ma degli arancini che, preparati con la materia prima locale, rappresentano l’incontro fra due terre essenziali. Il pistacchio dei cannoli racconta una Sicilia dolce, sofisticata, che Massimo fa arrivare direttamente da Siracusa. La farina di mandorle ne narra le radici, la storia di una Trinacria di tutti i giorni. L’arancino cacio e pepe invece è un inchino alla città eterna e ai suoi dintorni.
La Tuscia è un territorio nascosto, dove il turismo caratterizza il fine settimana o la bella stagione. Con la sua eccellenza nella produzione di arancini e prodotti tipici, fra cui i dolci più noti, Massimo fa conoscere il territorio anche in questo modo, ossia valorizzandone la materia prima locale grazie a una pietanza che parla delle sue origini.

 

FOCUS
VERSO LA PRIMAVERA CON GRANDE FIDUCIA
Arancineria Trinacria ha aperto le sue porte il 23 dicembre. Al momento l’affluenza segue le logiche della situazione odierna: le persone non si spostano moltissimo, ma ci si auspica un incremento con l’arrivo della primavera. L’arancineria si trova in via Cardinal La Fontaine 3. Per le consegne si avvale di Glovo e Just Eat.

 

LE ORIGINI
UN AMORE MATURATO FIN DA BAMBINO
Massimo Delfino era ancora un ragazzo, se non un bambino, quando all’epoca in cui suo padre era impegnato nel settore costruzioni lo aiutava a portare avanti la parallela attività di arancineria. Fu così l’attuale titolare di Arancineria Trinacria imparò e maturò l’arte di questa pietanza. Sposando il sacrificio e la dedizione del padre, ha poi continuato a coltivare la stessa esperienza culinaria. Oggi, grazie a questa nuova apertura nel centro di Viterbo, dopo quella che risale ai due anni precedenti sul lago di Vigo, Massimo porta le sue origini e la sua storia in Tuscia. Un’eccellenza, quella di Arancineria Trinacria, che è dovuta alla fedeltà a queste origini, rivisitata con l’amore per il Lazio e i suoi anfratti più meravigliosi. Con la sua attività Massimo punta anche a valorizzare i produttori locali, scegliendone le materie prime.