Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Sorgiva, la potabilizzazione combatte l'arsenico

Contenuto sponsorizzato

  • a
  • a
  • a

La ditta romana opera anche nel territorio del viterbese, una zona dove sono ancora numerosi i problemi legati alla depurazione dei pozzi artesiani

Le piccole dimensioni dell’impresa permettono di instaurare rapporti familiari con i clienti

Una delle maggiori problematiche riguardanti l’acqua nel viterbese e nelle zone circostanti è la forte presenza di arsenico.  I livelli di questa sostanza nelle acque potabili dell’area hanno più volte superato i parametri stabiliti dalle direttive dell’Unione Europea. A preoccupare anche i livelli di fluoruri, che in diversi comuni superano quelli consentiti. Sorgiva Srl è una società che da più di vent’anni opera nel settore della potabilizzazione e del trattamento delle acque potabili.

IMPIANTI PRIVATI
Nella provincia di Viterbo il problema dell’arsenico si scontra con un’altra criticità, ovvero la potabilizzazione. In questa zona infatti sono migliaia le famiglie che non hanno a disposizione un acquedotto, e si trovano costrette ad attingere l’acqua dai pozzi artesiani. L’azienda romana si occupa anche della risoluzione di questo problema, usando i metodi più adeguati per ogni situazione.
trasparenza
Al centro di lavoro di Sorgiva c’è la potabilizzazione. L’impresa si contraddistingue per l’offerta di prezzi vantaggiosi e la volontà di garantire un servizio trasparente.
Le dimensioni moderate dell’impresa sono proprio quelle che permettono a Sorgiva di offrire un servizio sempre vicino al cliente e attento alle sue richieste particolari.
I prezzi vengono subito dati ai potenziali clienti con la prima telefonata, e l’eventuale sopralluogo viene fatto solo a seguito della conferma del lavoro, senza l’obbligo di visite preventive.

 

GLI INTERVENTI
PAROLE D’ORDINE: CONTROLLI, MANUTENZIONE E ANALISI
L’attività di potabilizzazione di Sorgiva avviene sempre a seguito di attente analisi delle acque interessate. Se parliamo di acqua di pozzo, è fondamentale condurre analisi chimiche e batteriologiche.
Le prime permettono di determinare la percentuale di metalli, minerali e composti chimici nell’acqua, mentre le seconde sono volte a verificare l’eventuale presenza di carica batterica. In caso positivo, si procede con la valutazione e la definizione di un’offerta dei parametri di potabilità per stabilire il tipo di intervento. A seconda dei risultati ottenuti, Sorgiva seleziona il metodo più adatto per la risoluzione del problema. Se fosse possibile un intervento di potabilizzazione, questo potrà consistere in un sistema di clorazione o, di depurazione a osmosi inversa, o qualunque altro sarà ritenuto necessario. Manutenzione e controlli sono fondamentali, poiché gli eventi atmosferici possono contaminare acque solitamente depurate.

LE SOLUZIONI
UNA SOSTANZA INSIDIOSA
Rivolgersi a un’azienda esperta nel settore, come Sorgiva, permette di adottare soluzioni efficaci ed economiche evitando sprechi di acqua e di denaro ottimizzando il tipo di impianto. Importante è non sottovalutare la pericolosità dell’arsenico. Si tratta infatti di una sostanza totalmente inodore e insapore, la cui presenza non è riscontrabile senza le opportune analisi.
Inoltre, è bene ricordare che se la bollitura uccide i batteri, lo stesso non avviene per i metalli come l’arsenico che anzi, si sedimentano e aumentano la loro concentrazione.  L’unico modo di eliminarlo in modo efficace è quindi attraverso sistemi di filtraggio.