Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Roma, spari in strada. Terrore nelle case popolari di Spinaceto: arrestato un 61enne

  • a
  • a
  • a

I carabinieri della Compagnia di Pomezia hanno arrestato un 61enne originario di Roma, con numerosi precedenti, con le accuse di detenzione di arma clandestina e ricettazione. Più in particolare, nella serata di ieri, giovedì 17 giugno, i carabinieri della Stazione di Roma - Tor dè Cenci sono intervenuti in via Salvatore Lorizzo, località Spinaceto, presso il comprensorio di case popolari da dove era pervenuta una segnalazione di esplosione di alcuni colpi di arma da fuoco.

Immediatamente giunti sul posto, i militari dell’Arma hanno verificato che una persona, rientrando in casa, si era accorta che qualcuno, dall’esterno, aveva sparato due colpi di pistola entrati nell’abitazione attraverso una finestra che presentava due fori. La persona, inoltre, segnalava ai carabinieri un soggetto che, poco prima, armato di pistola, si aggirava in strada nei pressi di quel condominio. Raggiunto subito l’appartamento dell’uomo, nel corso della perquisizione domiciliare, i militari dell’Arma hanno rinvenuto all’interno della cucina, una pistola con matricola abrasa. Tratto in arresto, l’uomo è stato temporaneamente ristretto presso le camere di sicurezza della Stazione Carabinieri in attesa di essere tradotto in carcere. La pistola sequestrata sarà inviata nei laboratori del Ris dei Carabinieri per gli accertamenti balistici e dattiloscopici nonché per verificare se sia stata utilizzata in azioni delittuose.

 

Un episodio inquietante che avviene a pochi giorni dalla strage di Ardea avvenuta domenica 13 giugno quando un 35enne, Andrea Pignani, ha sparato contro due fratellini di 10 e 5 anni e un pensionato di 74 anni uccidendoli per poi suicidarsi con una pistola che non era stata denunciata e che apparteneva al padre deceduto che era guardia giurata. Un episodio, come quello avvenuto a Spinaceto, che riporta in cima all'agenda il tema della diffusione delle armi in Italia e i limiti sul possesso da parte di persone considerate pericolose o instabili a livello mentale.