Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, omicidio Sestina Arcuri. L'accusa chiede 25 anni di carcere per il fidanzato Andrea Landolfi

  • a
  • a
  • a

Chiesti 25 anni di carcere per Andrea Landolfi, il pugile romano accusato di aver ucciso la fidanzata Maria Sestina Arcuri gettandola dalla scale la notte tra il 3 e 4 febbraio 2019. Il pm Franco Pacifici ha fatto la richiesta al termine della requisitoria che vede imputato il giovane per omicidio volontario, lesioni ed omissione di soccorso lunedì 14 giugno. La discussione davanti alla Corte d'Assise presieduta dal giudice Eugenio Turco è stata sospesa. riprenderà alle 14,30 con le richieste delle parti civili.

 

Durante la discussione del pm, che ha ripercorso i fatti avvenuti quella notte nella casa della nonna di Andrea Landolfi a Ronciglione, l'imputato a provato a difendersi urlando ancora una volta la sua innocenza. "Amavo Sestina", gridando di non aver ucciso Sestina. 

 

Alla ripresa del processo la parola passerà alle parti civili. Si sono costituiti il papà di Sestina, Nicola Natale Arcuri, la mamma Caterina Acciardi e i fratelli Domenico e William. Sono assistiti da Vincenzo Luccisano. Interverrà anche il legale della nonna dell'imputato l'avvocato Gianluca Fontana. L'anziana secondo l'accusa fu vittima di un'aggressione da parte del nipote quella notte mentre provava a soccorrere Sestina e per questo si è costituta parte civile pur scagionando sempre nelle sue testimonianze il nipote. Il movente del presunto omicidio sarebbe legato ai continui litigi della coppia. Sestina era molto gelosa e anche nelle ore precedenti alla tragedia, durante una serata al pub, avevano discusso. E' cambiato il presidente della Corte d'Assise che da questa mattina è il giudice Eugenio Turco. Il calendario delle udienze è stato leggermente rivisto. Le arringhe difensive degli avvocati  Daniele Fabrizi e Serena Gasperini, inizialmente fissate per oggi, slittano a domani martedì 15 giugno. Le repliche sono state dunque programmate per il 13 luglio mentre la camera di consiglio e la sentenza di primo grado slittano al 19 luglio.