Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Roma, nudo sul balcone perseguitava i condomini di una palazzo della Magliana. Denunciato dai carabinieri

Operazione dei carabinieri

  • a
  • a
  • a

Roma, era diventato l'incubo dei vicini di casa che, stanchi delle continue vessazioni, hanno deciso di chiamare i carabinieri Un romano di 50 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine, è stato denunciato a piede libero dai carabinieri della Stazione  Roma Villa Bonelli con le accuse di atti persecutori e maltrattamenti contro familiari. L’uomo, da circa un anno, era solito ingiuriare, minacciare e assumere comportamenti vessatori e violenti nei confronti di 8 condomini dello stabile in cui vive nella zona della Magliana. In più occasioni, inoltre, al passaggio delle sue "vittime designate" si mostrava completamente nudo dal balcone dell’abitazione oppure lanciava sacchi dell’immondizia al loro indirizzo o all’interno del cortile dello stabile. Sfinito dai quotidiani fastidi, il gruppo di condomini ha deciso di chiedere aiuto ai carabinieri.

I militari, nel corso degli accertamenti, hanno appurato che l’uomo, quando non tormentava i condomini, si dedicava a rendere la vita impossibile alla madre convivente di 74 anni e alla sorella che periodicamente faceva loro visita con atteggiamenti ostili e aggressivi. Insomma un classico caso di stalking condominiale che è stato interrotto, sembra, dall'intervento dei carabinieri.

Una storia quella del condominio della Magliana che è andata avanti per mesi. L'uomo non ha voluto sentire ragioni e nonostante gli avvertimenti dei vicini che minacciavano di chiedere l'aiuto delle forze dell'ordine li h continuati a sfidare. Quando passava sotto al balcone qualche suo rivale, comprese delle donne, si mostrava nudo con le parti intime in bella vista. Inoltre lanciava l'immondizia nel cortile al loro passaggio e li insultava e li minacciava. Dopo la dettagliata denuncia i carabinieri si sono effettivamente resi conto che il clima in quel palazzo alla Magliana era effettivamente pesante a causa del comportamento ostile e di sfida che il cinquantenne ha adottato da tempo verso i vicini che hanno avuto la sola colpa di chiedergli di comportarsi bene.