Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lazio, corse cancellate sulla Roma-Viterbo-Civita Castellana: 3 milioni di multa ad Atac

  • a
  • a
  • a

Multa da 3 milioni nei confronti dell’Atac, l’azienda che gestisce il trasporto pubblico a Roma, colpevole di aver tagliato le corse di alcune tratte delle “ferrovie ex concesse” - tra cui anche la Roma-Civita Castellana-Viterbo -, utilizzate dai pendolari. Soppressione “sistematica e persistente” tale da “ingannare i consumatori sull’effettiva disponibilità del servizio e a falsarne il comportamento economico”.

 

 

L’Antitrust torna dunque all’attacco, dopo la sanzione inflitta alla società, poi annullata dal Consiglio di Stato lo scorso anno, aprendo un nuovo provvedimento. I fatti risalgono a 4 anni fa, quando l’Autorità garante della concorrenza e del mercato aveva multato l’Atac per una cifra di 3,6 milioni, con l’accusa di aver posto in essere una “pratica commerciale scorretta” nell’ambito della sua attività nel settore del trasporto pubblico locale. La società era accusata di “frequente e cospicuo mancato rispetto dell’orario diffuso presso le stazioni e attraverso il sito internet”, a causa della “sistematica e persistente soppressione delle corse programmate del servizio pubblico di trasporto ferroviario lungo le direttrici Roma-Lido di Ostia, Roma-Giardinetti-Pantano e Roma-Civita Castellana-Viterbo”.

 

Il Consiglio di Stato lo scorso anno ha accolto l’appello dell’Atac ma dalla sua pronuncia, si legge nel bollettino, deriva “l’onere dell’Autorità di motivare, in sede di riesame, in ordine alla gravità della condotta addebitata all’Atac” e, in particolare, “di pronunciarsi motivatamente sulla gravità della condotta, con conseguente possibilità di una rimodulazione della sanzione stessa”. L’Antitrust ha quindi rimodulato la sanzione, fissando la nuova multa a 3 milioni.