Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lazio Covid, il bollettino del 22 marzo: 1.407 casi e 19 morti. D'Amato: "Cauto ottimismo"

  • a
  • a
  • a

"Cauto ottimismo", sono le parole pronunciate dall'assessore regionale alla sanità Alessio D'Amato dopo l'ultimo bollettino sull'emergenza coronavirus.  Oggi, 22 marzo,  su oltre 9 mila tamponi nel Lazio (-5.490) e oltre 5 mila antigenici per un totale di circa 15 mila test, si registrano 1.407 casi positivi (-386), 19 i decessi (+4) e +576 i guariti. "Diminuiscono i casi, mentre aumentano i decessi, i ricoveri e le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 15%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale è al 9%. I casi a Roma città sono a quota 700. Cauto ottimismo, massima attenzione e un balzo in avanti dei ricoveri. Avanti tutta con la campagna vaccinale. da oggi torniamo a 20 mila somministrazioni al giorno", dice l'assessore.

 

 

Nella Asl Roma 1 sono 306 i casi. Si registrano due decessi con patologie. Nella Asl Roma 2 sono 370 i casi. Si registrano cinque decessi con patologie. Nella Asl Roma 3 sono 38 i casi. Si registrano due decessi con patologie. Nella Asl Roma 4 sono 46 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi con patologie. Nella Asl Roma 5 sono 206 i casi . Nella Asl Roma 6 sono 198 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Nelle province si registrano 243 casi e sono otto i decessi nelle ultime 24h.

 

 

Nella Asl di Latina sono 130 i nuovi casi. Si registra un decesso di 80 anni con patologie. Nella Asl di Frosinone si registrano 68 nuovi casi. Si registrano sei decessi di 61, 75, 75, 85, 94 e 95 anni con patologie. Nella Asl di Viterbo si registrano 37 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Nella Asl di Rieti si registrano 8 nuovi casi. Si registra un decesso di 87 anni con patologie.