Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Roma, svastica sulla serranda della palestra popolare a San Basilio. Raggi: "Non ci spaventate"

  • a
  • a
  • a

Svastica nella serranda della palestra voluta da don Antonio Coluccia a San Basilio a Roma. "Non ci sto. Voglio esprimere la mia solidarietà a don Antonio Coluccia che ha subito una vergognosa e inquietante minaccia e dirgli che non è solo: con lui c’è tutta la città di  Roma e i cittadini che vogliono il cambiamento". Cosi la sindaca Virginia Raggi ha commentato l'episodio con un post su Facebook. "Ho conosciuto don Antonio Coluccia - racconta Raggi - quando ho visitato la sua struttura di accoglienza nella periferia nord di  Roma: un luogo nei pressi della Cassia dove i suoi ospiti, c’è chi ha commesso degli errori in passato o per qualche motivo è in difficoltà, può cercare un riscatto e riprendere un cammino interrotto. Da allora è nata un’amicizia: don Antonio è un prete di strada con il quale, grazie all’impegno di tutte le Istituzioni e dei cittadini del posto, abbiamo deciso di riconquistare parti di territorio a San Basilio sottraendoli alla criminalità. E così abbiamo iniziato a presidiare una strada dove, da anni, ogni notte si spacciava droga: abbiamo riacceso i lampioni che ogni volta venivano rotti, riparato le fontanelle del posto, rimesso a nuovo i giardinetti e, soprattutto, recuperato alcuni locali di proprietà del Comune e del Municipio che gli spacciatori per anni avevano utilizzato come base per i loro affari. Con le Fiamme Oro della Polizia di Stato abbiamo pensato di realizzare per i ragazzi una palestra e - spiega la sindaca - con alcune madri del posto anche un dopo-scuola: sono venuti anche due ori olimpici come Roberto Cammarelle e Valentina Vezzali per supportare l’iniziativa». «In zona abbiamo anche riqualificato un mercato e illuminato i giardini di un lungo vialone: una festa per il quartiere alla quale hanno preso parte il prefetto Matteo Piantedosi, il questore Carmine Esposito, i rappresentanti di  Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza e Polizia Locale; e artisti come Maurizio Mattioli. Ecco quelle sono le immagini del riscatto di San Basilio. Lo Stato c’è. Non ci spaventate".