Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Morto a 21 anni dopo aggressione a Colleferro. Lacrime e fiori dove è morto Willy | FOTO

  • a
  • a
  • a

Morto a 21 anni  dopo aggressione a Colleferro. Lacrime e fiori dove è morto Willy.

Si è svolta alle 20.30 del 6 settembre una piccola cerimonia nel luogo dove è stato pestato a morte, all'alba, Willy Monteiro Duarte, il 21enne di Paliano che è spirato prima di arrivare al pronto soccorso a causa delle botte. I sindaci di Colleferro, Pierluigi Sanna e quello del paese dove abitava il giovane, Paliano, Domenico Alfieri hanno deposto dei fiori dove è stato trovato il corpo privo di sensi del ragazzo che lavorava come cameriere in alcuni locali della zona. Hanno partecipato anche i familiari della vittima.  "La nostra Amministrazione e tutta la comunità palianese staranno vicine alla Famiglia del nostro Concittadino Willy", ha scritto su Facebook il primo cittadino di Paliano.

 

Il ragazzo è stato ucciso a calci e pugni da un gruppo di giovani tra le 4 e le 5 del mattino. Il ragazzo poco prima aveva difeso un amico durante una rissa. Poco dopo, quando stava andando a prendere l'auto, è stato aggredito e lasciato a terra in fin di vita nella zona di piazzale Orbedan. E' morto prima di arrivare in ospedale.

Il Comune di Colleferro si costituirà parte civile nel processo contro i responsabili dell’omicidio. Lo ha annunciato il sindaco Pierluigi Sanna. "Domani sarà lutto cittadino - ha scritto Sanna su Facebook - alle 12 tutti dovranno fermarsi almeno per un minuto, abbassare le saracinesche e smettere di lavorare per riflettere. Chiederò ad Avio ed Italcementi di far suonare le rispettive sirene. Ci costituiremo parte civile nel processo, e con gli altri sindaci non lasceremo sola la famiglia, mai. Molti avvocati, anche da Roma e Frosinone stanno chiamandomi per offrire aiuto". "Ai carabinieri abbiamo fornito tutto ciò che potevamo, soprattutto le immagini delle telecamere comunali che avevamo installato di concerto con tutte le forze dell’ordine.. Chiederò ogni giorno che giustizia venga fatta, chiederò fino allo sfinimento agli inquirenti di fare chiarezza e proteggere i testimoni ed alla magistratura di assicurare pene pesanti ai responsabili di tali efferatezze: l’omicidio di un ragazzo innocente non può passare come passa uno dolore".