Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Minacciano prostituta per debito di droga, tre in manette

  • a
  • a
  • a

 Due 39enni romani ed un romeno 31enne sono stati arrestati dalla polizia per estorsione ai danni di una giovane prostituta. Gli aguzzini, da circa 2 settimane, avevano iniziato a chiedere soldi alla ragazza con la scusa che, quanto richiestole, era un debito che la stessa aveva ereditato da una sua amica. Il denaro dovuto inizialmente era pari a 40 euro, ovvero una dose di cocaina non pagata, per poi arrivare fino a 2 mila euro di oggi. Dopo un’iniziale richiesta verbale, il gruppo è passato alle vie di fatto minacciando e picchiando anche il marito della donna. All’ennesimo episodio la donna si è rivolta al commissariato Esposizione, diretto da Pasquale Fiocco.

Gli investigatori, conoscendo il tessuto criminale del loro territorio, hanno individuato una serie di sospetti, 2 dei quali, romani, che sono stati riconosciuti dalla vittima nelle foto-segnaletiche. Gli estorsori, con una escamotage, sono riusciti a stabilire un contatto telefonico con la vittima e le hanno dato appuntamento per il pomeriggio stesso in un locale pubblico con l’obbligo di portare almeno un parte dei soldi. I poliziotti, dopo aver fotocopiato le banconote, ben nascosti, si sono appostati nelle vicinanze del locale scelto dai criminali. Oltre ai 2 romani, tutti su una citycar, si è presentato anche C.V. - 31 anni di origini romene - ed è stato proprio lui che ha fatto il primo sopralluogo per controllare che la vittima fosse sola; convinto di non essere osservato ha avvisato gli altri che, seppur con alcune cautele, sono scesi dall’auto, sono andati dalla donna e si sono fatti consegnare i soldi. Subito dopo è scattato il blitz della polizia. I 3 hanno tentato la fuga che è stata interrotta dopo pochissimi metri. I poliziotti, durante le perquisizioni, hanno trovato i soldi ed il telefono usato come ultimo contatto con la vittima. Dopo gli accertamenti di rito, i malviventi sono stati arrestati ed affidati al carcere di Rebibbia a disposizione della Magistratura.