Pessi: "Bene Inail su infortuni Covid-19, ma 'scudo' per imprese sarebbe utile'

norme

Pessi: "Bene Inail su infortuni Covid-19, ma 'scudo' per imprese sarebbe utile'

Il giuslavorista, un intervento normativo sarebbe rassicurante per imprese

L'intervista del giuslavorista sulle polemiche riguardo la responsabilità del datore di lavoro

15.05.2020 - 19:45

0

Roma, 15 mag. (Labitalia) - "Senz'altro la nota dell'Inail oggi un po' di acqua sul fuoco l'ha gettata. L'Inail in qualche modo vuole rassicurare le imprese che le ipotesi di responsabilità civile e penale per infortunio da Covid-19 sussiste sì in astratto ma nel caso concreto è più difficile che possa essere riscontrata se si osservano adeguatamente i protocolli. Ma io credo che un intervento normativo avrebbe un valore ancora più rassicurante per le imprese". Così il giuslavorista, Roberto Pessi, prorettore alla Didattica alla Luiss di Roma, commenta con Adnkronos/Labitalia l'intervento dell'Inail di oggi che ha voluto sottolineare che "l'infortunio sul lavoro per Covid-19 non è collegato alla responsabilità penale e civile del datore di lavoro".

Per Pessi però un intervento normativo "avrebbe un valore rassicurante, utilizzando la frase 'una rigorosa osservanza dei protocolli esonera i datori di lavoro da responsabilità civili e penali per il contagio'. Sarebbe di dubbia legittimità, ma avrebbe un valore rassicurante" per le aziende. "Sarebbe uno scudo sul piano civile ma si potrebbe interpretare come esimente sul piano penalistico", sottolinea. "E' chiaro -chiarisce Pessi- che nel caso di contagio con conseguenza nefaste si dovrebbe andare a verificare fino a che punto è stata rigorosa l'osservanza del protocollo".

Sulle polemiche per l'equiparazione del contagio da Covid-19 a infortunio sul lavoro il giuslavorista chiarisce che "è un'interpretazione consolidata da 50 anni che il virus intervenendo in modo virulento e improvviso è un infortunio sul lavoro. Sicuramente la definizione come del coronavirus come un infortunio sul lavoro è corretta, assolutamente corretta, non si poteva definire diversamente", aggiunge.

Secondo il giuslavorista "il contagio da Covid è sicuramente un rischio generico e non specifico, e cioè il contagio non è possibile solo su lavoro ma anche sui tram, nel bar, incontrandosi, facendo assembramento, e così via. Il lavoratore deve dimostrare che la sua vita è praticamente stata tale che solo sul lavoro poteva contagiarsi. Allora se sul lavoro abbiamo assicurato e seguito tutti i protocolli è un po' difficile poi dimostrare che è avvenuto sul lavoro e non altrove, e poi ancora di dimostrare la responsabilità civile e penale dei datori di lavoro".

"Il lavoratore -spiega ancora Pessi- deve provare che effettivamente c'è stato il nesso eziologico e cioè che la causa sia stata veramente la presenza in azienda e non altre cause possibili come il trasporto, la vita familiare, il non distanziamento, l'ambiente sociale. Diciamo che questa conseguenza immediata luogo di lavoro-contagio non è semplice. Il Covid è un infortunio, punto. Ma è veramente avvenuto sul lavoro? O è avvenuto sui trasporti, in quel caso è in itinere, risarcibile ma senza responsabilità del datore di lavoro", sottolinea.

E quindi per Pessi "su ogni caso si potrebbe aprire un contenzioso molto rilevante. Ma se si intervenisse per legge dicendo la rigorosa osservanza dei protocolli esclude ogni responsabilità del datore di lavoro nel caso di contagio da Covid-19 si toglierebbe alle aziende ogni tipo di preoccupazione", conclude.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Balzo occupazione in Usa a maggio, Trump: "Numeri incredibili"

Balzo occupazione in Usa a maggio, Trump: "Numeri incredibili"

(Agenzia Vista) Usa, 05 giugno 2020 Balzo occupazione in Usa a maggio, Trump: "Numeri incredibili" "Gli Stati Uniti hanno di gran lunga superato la pandemia di Covid-19", ha dichiarato il presidente Trump durante una conferenza stampa nella quale ha letto i dati più che positivi sull'occupazione di maggio. Fonte White House Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Amici Speciali, Irama vince davanti a Michele Bravi: finale emozionante su Canale 5

Televisione

Amici Speciali, Irama vince davanti a Michele Bravi: finale emozionante su Canale 5

L'edizione di Amici Speciali è stata vinta da Irama. Il cantante decide di posizionare il trofeo al centro tra lui e Michele Bravi, l'altro finalista, perché simbolicamente ...

06.06.2020

Amici Speciali, “Stash diventa papà”: l’annuncio di Maria De Filippi in diretta tv. Lui emozionato Video

Televisione

Amici Speciali, “Stash diventa papà”: l’annuncio di Maria De Filippi in diretta tv. Lui emozionato Video

Emozioni nella finale di Amici Speciali su Canale 5, venerdì 4 giugno su Canale5. Si apprende in diretta tv che Stash sta per diventare papà. L'annuncio lo fa Maria De ...

05.06.2020

Mara Venier, condurrà Domenica In col gesso domenica 7 giugno: "Vado in onda, almeno ci provo"

Televisione

Mara Venier, condurrà Domenica In col gesso domenica 7 giugno: "Vado in onda, almeno ci provo"

Mara Venier domenica 7 giugno andrà in onda con il gesso. A confermarlo la stessa conduttrice di 'Domenica in' che, contattata dall'Adnkronos ammette: "Sì andrò in onda o ...

05.06.2020