Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Orsa a spasso con i suoi cuccioli nel borgo | VIDEO

  • a
  • a
  • a

L'orsa Amarena con i suoi cuccioli continua il suo tour per i borghi dell'Abruzzo. L'ultima apparizione, ripresa con un video pubblicato sulla pagina Facebook di Strada dei Parchi riprende l'orsa che arriva nel borgo di San Sebastiano dei Marsi, piccola frazione di appena un centinaio di abitanti del Comune abruzzese di Bisegna (L'Aquila).

 

"Ripresi da un'altra angolazione, ancora più vicina, da un passate che si è trovato a tu per tu con Amarena e i suoi quattro cuccioli In queste periodo queste scene sono molto frequenti in Abruzzo.Ma è bene ricordare che si tratta di animali selvatici e che, anche quando si avvicinano al centro abitato per la ricerca di cibo, è bene mantenere le distanze, soprattutto se si tratta di mamme con cuccioli, la vostra sicurezza e anche per quella di questi splendidi mammiferi.  Questa è l'unica forma di ammirazione rispetto", si legge nel post.

 


Nei giorni scorsi la stessa scena era stata ripresa da un'altra angolazione e anche quel video diventò virale, come fece il pieno di visualizzazioni anche il bagno dell'orsa amarena e dei cuccioli Lago Pio, a Villalago. Scene che testimoniano come la convivenza dell'orso e l'uomo nel parco nazionale nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise è possibile. Il parco ha diffuso in video con dei consigli su come comportarsi in caso si incontri l'orsa.

 

 "Il futuro di Mamma Amarena e dei suoi 4 cuccioli dipende da noi. Parchi, istituzioni, associazioni, comunità locali e turisti sono tutti chiamati a prestare la massima attenzione e ad agire con il massimo della responsabilità. Dobbiamo riflettere e ponderare ogni nostro piccolo passo. Il potenziale delle nostre azioni è inimmaginabile: possiamo davvero fare la differenza, in negativo, come in positivo. Capiamo che la maggior parte delle persone è mossa da curiosità e da buone intenzioni, ma è davvero facile cadere in errore e diventare motivo di disturbo e di pericolo per l'orsa. Con questo video non vogliamo assolutamente stigmatizzare e demonizzare il comportamento delle persone coinvolte, vorremmo solo che tutti si soffermassero a riflettere per un momento, prima di correre a usare il telefono. Prima di agire, pensiamo alle possibili conseguenze delle nostre azioni."