Il Campidoglio e le sue oche

"Ce l'ho più grosso del tuo"

04.01.2018 - 14:01

0

Adesso lo sappiamo ufficialmente, la partita si gioca fra due pulsanti. E non si tratta di un videogame con il joystick in mano fra due compulsivi della tecnologia, perché i due giocatori sono il Presidente degli Stati Uniti d’America e il capo supremo, unico e indiscusso, della Corea del Nord Kim Jong-un.

Ha aperto lui il botta e risposta, nel tradizionale discorso di Capodanno di fronte all'immensa platea dei fedeli: “Gli stati Uniti devono sapere che il pulsante per le armi nucleari è sul mio tavolo”.
Un paio di giorni ed è arrivata la risposta di Donald Trump, attraverso un più prosaico e quotidiano tweet: “Il mio pulsante nucleare è più grande e potente del suo. E il mio funziona”.
Se serviva chiarezza, è arrivata. Ora, lo sappiamo di cosa si tratta, del pulsante, di quello che se lo premi viene fuori il fungo atomico più grande e catastrofico che si sia mai visto. E pare di vederli i due contendenti, seduti nella plancia di comando, ciascuno avendo a portata di mano, anzi di dito, il marchingegno che può scatenare il disastro mondiale. In attesa, le antenne che si allungano per capire le intenzioni dell'avversario, come in una partita a scacchi, solo che qui non ci sono mosse e contromosse, si va subito al sodo, si preme una volta per tutte e arrivederci e grazie.
Devo dire che Donald, come al solito, ha avuto il pregio della sincerità, ha detto come stanno le cose, anche se qualche sospetto l’avevamo. Il suo pulsante, ha spiegato, è più grande e potente di quello di Kim e, a differenza del suo, funziona!
Vogliamo convocare analisti e interpreti dell'inconscio del potere per capire la posta in gioco? Vogliamo distendere i due competitors sul lettino per interrogare i sintomi e arrivare alla sostanza? Non c’è bisogno di letture raffinate, Donald è stato esplicito nel gioco delle iperboli, a chi la spara più grossa, come accadeva in certe barzellette fra machi dove ogni volta l'uno rilanciava la sfida provocando la reazione dell'altro in una spirale fuori controllo, o nei monologhi di Petrolini-Nerone su “Roma più bella e più grande che prima”.
Trump ha messo un punto, il suo pulsante non teme confronti, è il più grosso e potente del reame, di tutti i reami, e funziona. Non fa cilecca, ogni botta, dicono a Roma, una tacca, mai uno sfarfallio a vuoto, un’esitazione flaccida, un pulsante barzotto che sul più bello tradisce e ti rovina la performance. Perché qui di performance si tratta, tra il maschio in uniforme con capello spalmato della Corea del Nord e quello con l’indecifrabile chioma rossa che non ha mai fatto mistero della sua capacità di conquista e del diritto a premere il pulsante, che sia orizzontale o verticale, che compete a chi può e che per virtù naturale sta al di sopra della comunità dei mortali alle prese con le fragilità del maschile.
Certo, attorno a loro, ci saranno consiglieri speriamo non del tutto zelanti, stuoli di analisti e previsori pronti a descrivere scenari e risultati delle decisioni che prenderanno, un nugolo di marescialli tutti uguali e tutti sorridenti per Kim, un cestone di teste d'uovo per Donald, magari con la supervisione di Melania, in lamé rosa con ricami di pailletes floreali. Ma, alla fine, il dito o il ditone è e sarà il loro.
Nel 2018 in Corea del Sud si svolgeranno le Olimpiadi invernali. Kim ha fatto capire che potrebbe partecipare. Si può sperare che lui e Donald si alzino dal tavolo con il pulsante e risolvano il braccio di ferro con un bello slalom parallelo, chi vince vince e chi perde perde!?

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Russiagate, Conte: "Informando ministri violavo legge"

Russiagate, Conte: "Informando ministri violavo legge"

(Agenzia Vista) Roma, 23 ottobre 2019 Russiagate, Conte: "Informando ministri violavo legge" Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in conferenza stampa a Palazzo Chigi al termine della sua audizione al Copasir: "Avverto una grande responsabilità, che qualcuno rappresenta come un potere, sull'intelligence. Cerco di interpretare questo compito nel rispetto della legge: la responsabilità ...

 
Raffaella Carrà contro "La vita in diretta": manca d'ironia

Raffaella Carrà contro "La vita in diretta": manca d'ironia

Roma, 23 ott. (askanews) - Raffaella Carrà contro "La vita in diretta" e Rai1. Lo fa nel corso della conferenza stampa di presentazione della seconda stagione di "A Raccontare Comincia Tu", in onda su Rai3 da giovedì 24 ottobre. "La tv dal vivo per me è meravigliosa. Guardo un po' tutto, non tutto mi piace. Mi fa soffrire quando un programma potrebbe essere fatto meglio per un pizzico di scelte ...

 
Russiagate, Conte: io ho chiarito, Salvini spieghi su Savoini

Russiagate, Conte: io ho chiarito, Salvini spieghi su Savoini

Roma, 23 ott. (askanews) - "Rimango sorpreso quando Salvini si ritrova a pontificare quotidianamente sulla questione Barr, mi ha sollecitato a chiarirla. Credo che sia legittima la sua richiesta di chiarimento, eccomi qui. Io la verità l'ho riferita in sede istituzionale, mi sorprende come Salvini, che ha una grande responsabilità perchè era ministro dell'Interno e si è candidato a guidare il ...

 
Caffeina, divorzio da Viterbo: il Christmas Village emigra

Cultura

Caffeina, divorzio da Viterbo: il Christmas Village emigra

''Non ci sono le condizioni per fare il Christmas Village a Viterbo anche per il 2019". Caffeina prende cappello e va in esilio. Il presidente della Fondazione Carlo Rovelli, ...

08.09.2019

Francesca Lotta vince il premio dedicato a Mia Martini

SUTRI

Francesca Lotta vince il premio dedicato a Mia Martini

La splendida voce di Sutri, quella di Francesca Lotta, ha vinto la quinta edizione del Premio “Mimi Sarà” per la categoria over 40. La finale si è svolta domenica scorsa a ...

05.09.2019

Santa Rosa

PILASTRO

Il trasporto
della Minimacchina

Il trasporto della Minimacchina di Santa Barbara

25.08.2019