La sarabanda del Sì e del No

La sarabanda del Sì e del No

05.10.2016 - 10:21

0

Si o no? Ho l'impressione che i prossimi due mesi ci risucchieranno in una sarabanda di confronti che diventeranno scontri, spiegazioni prossime all'insulto, appelli all'ultimo sangue, in attesa dell'ordalia del 4 dicembre che deciderà della proposta di riforma costituzionale e del cosiddetto Italicum.
Ovviamente, e non sarebbe il caso di dirlo, tutti hanno il diritto di pensare quello che vogliono e ognuno farà la scelta che si sentirà di fare. Lo dico perché questo tentativo di riflessione non vuole entrare nel merito della proposta e dunque non è e non vuole essere una perorazione per il sì o per il no.
Vorrei piuttosto sottolineare il clima che minaccia di raggiungere temperature da global warming. Perché questa atmosfera da crociata? Perché questa contrapposizione violenta e irridente in cui alla fine rischia di passare in secondo la discussione sul merito della riforma e la riflessione su un passaggio che, in un caso o nell'altro, sarà decisivo per i prossimi anni?
Il nodo sta sempre lì, in un perverso e ormai strutturale rapporto tra politica, informazione e spettacolo e in quello logorato e deludente fra politica e società. Con alcuni paradossi che mi sembrano significativi.
Partiamo dal Presidente Renzi. La sua irruzione sulla scena della politica italiana è avvenuta nel segno della rottamazione e sulla sua capacità di tenere insieme politica e antipolitica, di stare dentro e fuori, di entrare nelle istituzioni e di rappresentare la voglia di cambiamento del Paese. Non è una storia estemporanea, il nostro paese è sempre stato sensibile ai messia, agli homines novi che si presentano sulla scena e vengono investiti della funzione salvifica rispetto all'inerzia della realtà. Questa molla potente nasconde però in sé un doppio rischio.
Anzitutto, le promesse sono attese al bagno con le cose, con lo stress che ormai comporta una politica mediatica che ha contratto i tempi e incalza day-by-day, pena la percezione di un fallimento. Chi assume e personalizza all'estremo il discorso (mediatico) della politica non può sorprendersi se poi gli si rovescia addosso il conto (dove, certo, ci stanno anche tutte le trappole della politica-spettacolo e di una politica presa sempre più in un gioco tutto di superficie) e da protagonista in positivo viene percepito da una parte rilevante di chi gli aveva dato fiducia addirittura come un antagonista o un capro espiatorio. Chi di immagine colpisce, di immagine.. perisce.
Poi, c'è l'antica questione della politica e della società. Bene, i motivi sono tanti, tantissimi, stanno nella storia recente e meno recente. Adesso, ci troviamo con il 50% del Paese che potrebbe non votare e, fra quelli che vanno a votare, cresce il numero di chi lo fa per protestare, con un bisogno di rifiutare e demonizzare l'esistente, le istituzioni che sarebbero corrotte e lontane e chi le rappresenta.
In questo quadro, si è verificato un doppio slittamento.
Da un lato, il voto sulla proposta di riforma è diventato un giudizio sul Presidente del Consiglio, percepito da molti non più come l'equilibrista tra politica e antipolitica, quanto piuttosto come il potere istituzionale lontano dai cittadini.
Dall'altro, anche qui per motivi che mettono insieme storia, cultura, media, crisi.., i cittadini sono cambiati, nel senso che è cresciuta la brutalità irriguardosa e malmostosa del rifiuto e della protesta, la voglia tutta di pancia (ma anche la pancia ha le sue ragioni che spesso hanno a che fare con la difficoltà se non con l'impossibilità di sbarcare il lunario) di dire la parola che è un'arma di difesa e offesa. No!
Cosi è, se vi pare.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Brexit, primo sì del Parlamento inglese ad accordo di Johnson. Bocciato iter sprint

Brexit, primo sì del Parlamento inglese ad accordo di Johnson. Bocciato iter sprint

(Agenzia Vista) Londra, 22 ottobre 2019 Brexit, primo si del Parlamento inglese ad accordo di Johnson. Bocciato iter sprint Il Parlamento britannico approva l'accordo proposto dal Primo Ministro Boris Johnson per la Brexit. Bocciata invece la richiesta di un iter velocizzato, che permettesse l'uscita dall'Unione Europea entro il 31 ottobre. /courtesy Youtube UK Parliament Fonte: Agenzia Vista / ...

 
Brexit, Johnson: "Sospendo legge, attendo decisione parlamentari Ue"

Brexit, Johnson: "Sospendo legge, attendo decisione parlamentari Ue"

(Agenzia Vista) Londra, 22 ottobre 2019 Brexit, Johnson: "Sospendo legge, attendo decisione parlamentari Ue" Il Parlamento britannico approva l'accordo proposto dal Primo Ministro Boris Johnson per la Brexit. Bocciata invece la richiesta di un iter velocizzato, che permettesse l'uscita dall'Unione Europea entro il 31 ottobre. /courtesy Youtube UK Parliament Fonte: Agenzia Vista / Alexander ...

 
Lettera Ue, Fidanza (Fdi): "Le regole Ue non siano applicate a seconda della simpatia"

Lettera Ue, Fidanza (Fdi): "Le regole Ue non siano applicate a seconda della simpatia"

(Agenzia Vista) Strasburgo, 22 ottobre 2019 Lettera Ue, Fidanza (Fdi): "Le regole Ue non siano applicate a seconda della simpatia" "Le regole Ue non siano applicate a seconda della simpatia". Così l'europarlamentare Fdi Carlo Fidanza, intervenuto dalla sede di Strasburgo del Parlamento Europeo. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Festa di Roma, il saluto di John Travolta ai fan italiani: grazie

Festa di Roma, il saluto di John Travolta ai fan italiani: grazie

Roma, 22 ott. (askanews) - "Sono felice, grazie a tutto il mondo". John Travolta saluta così, in italiano, i suoi fan, dal red carpet della festa del cinema di Roma dove ha presentato il suo nuovo film "The fanatic" e ha ricevuto il premio speciale alla carriera. Una lugna carriera, oltre 70 film, fra cui ha citato tre dei suoi preferiti. "Mi piacciono 'La febbre del sabato sera', 'Grease' e ...

 
Caffeina, divorzio da Viterbo: il Christmas Village emigra

Cultura

Caffeina, divorzio da Viterbo: il Christmas Village emigra

''Non ci sono le condizioni per fare il Christmas Village a Viterbo anche per il 2019". Caffeina prende cappello e va in esilio. Il presidente della Fondazione Carlo Rovelli, ...

08.09.2019

Francesca Lotta vince il premio dedicato a Mia Martini

SUTRI

Francesca Lotta vince il premio dedicato a Mia Martini

La splendida voce di Sutri, quella di Francesca Lotta, ha vinto la quinta edizione del Premio “Mimi Sarà” per la categoria over 40. La finale si è svolta domenica scorsa a ...

05.09.2019

Santa Rosa

PILASTRO

Il trasporto
della Minimacchina

Il trasporto della Minimacchina di Santa Barbara

25.08.2019