Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rifiuti, spunta un debito di 800 mila euro

Annamaria Socciarelli
  • a
  • a
  • a

E' una stangata non indifferente quella che si è abbattuta sulle casse comunali con la conclusione della lunga e dibattuta vicenda delle tariffe per lo smaltimento del secco residuo dei rifiuti presso l'impianto di Casale Bussi gestito da Ecologia Viterbo. Il quadro emerge dalla comunicazione riepilogativa inviata dalla Regione Lazio che attua quanto disposto dal Tribunale amministravo regionale. La sentenza del Tar, infatti, ha fissato nella cifra di 98,23 euro a tonnellata la tariffa d'ingresso all'impianto di smaltimento dei rifiuti, a fronte di un costo provvisorio di 82 euro indicato dalla Regione Lazio e pagato nel corso del tempo dal Comune. Dopo la sentenza del Tar, dunque, la tariffa, soggetta anche ad adeguamento Istat e benefit, è aumentata a oltre 98 euro a tonnellata moltiplicate per tutte le tonnellate prodotte dal 1° gennaio 2009. Articolo completo sul Corriere di Viterbo del 6 febbraio 2019