Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Premio alla bontà nel nome di Giuseppe Centamore

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

E' andato alla studentessa Gaia Rita Iervolino la terza edizione del premio alla bontà, istituito dal liceo Classico Buratti di Viterbo in memoria di Giuseppe Centamore. A consegnare alla vincitrice la targa sono stati la mattina di venerdì 7 dicembre 2018 i genitori del ragazzo morto nell'estate 2015 nella piscina di un villaggio turistico in Provenza, Salvatore Centamore e Paola Rita Sanfilippo. In ricordo di Giuseppe, dopo la cerimonia, è stata esposta anche una pianta d'ulivo. Il premio alla bontà viene assegnato a uno studente o a una studentessa che, a giudizio dei docenti, si sia particolarmente distinto per altruismo e per solidarietà verso il prossimo. Gaia Rita ha aiutato compagni e amici nello studio e nella vita. “Un grazie alla precedente preside del Buratti, Paola Moscucci, per aver voluto onorare la memoria di mio figlio istituendo questo premio - sottolinea Salvatore Centamore - e a quella attuale, Clara Vittori, per averlo portato avanti e per il grande lavoro che sta svolgendo nel rendere il Buratti una scuola sempre migliore”.