Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

L'aggressore tradito dal bus Cotral in panne

default_image

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Accoltella il collega poi tenta la fuga salendo sul bus per Blera. Ma il 32enne tunisino non aveva fatto i conti con i guasti che con i mezzi Cotral di certo non manca. Il pullman infatti è dovuto tornare indietro per dei problemi meccanici e proprio mentre stava per tornare a Tarquinia ha incrociato i carabinieri che stavano cercando il tunisino che è stato dunque arrestato. Tutto è avvenuto nel pomeriggio di giovedì. Il tunisino stava lavorando in un campo come bracciante raccogliendo della frutta. All'improvviso, per futili motivi, sarebbe scoppiata una furiosa lite con un connazionale: a quel punto il 32enne avrebbe impugnato un coltello da cucina colpendo per almeno quattro volte “l'avversario” che è stato ferito nella parte sinistra del torace e a un braccio. Tagli non profondi per fortuna, al pronto soccorso sono stati refertati con 10 giorni di prognosi. ACCOLTELLA IL COLLEGA POI FUGGE (leggi qui) Dopo aver ferito il compagno di lavoro il tunisino è scappato salendo sulla “corriera” per Blera. Tuttavia il bus dopo pochi chilometri ha avuto dei problemi tanto che l'autista avrebbe deciso di tornare indietro. Sulla strada c'erano però i carabinieri di Tarquinia che lo hanno identificato e arrestato. Per lui l'ipotesi di reato per la quale è scattata la misura è lesioni aggravate. E' stato dunque trattenuto nelle celle di sicurezza della Compagnia di Tuscania. Venerdì 16 giugno  si è svolto il processo per direttissima presso il tribunale di Civitavecchia. Il gip ha convalidato l'arresto operato dai carabinieri ed ha liberato l'uomo in attesa del processo che si celebrerà nelle prossime settimane.