Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Prima l'incontro a Orte Scalo, poi il dramma nella piazzola

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Un ultimo appuntamento per restituirsi i regali. Dopo diverse insistenze Silvia Tabacchi avrebbe accettato di incontrare il suo ex Francesco Marigliani per chiarirsi una volta per tutte. Lui non aveva accettato la fine della loro storia, entrata in crisi a settembre, e avrebbe continuato a contattarla inviandogli anche dei regali e aspettandola, sembra, alcune volte fuori dall'università. Il ragazzo non si era arreso all'idea di aver perso definitivamente la sua fidanzata che nel frattempo aveva iniziato un'altra relazione. HA FREDDATO SILVIA SENZA DARLE IL TEMPO DI REAGIRE (Leggi qui) LE TELEFONATE ALLE ARMERIE PER CERCARE LA PISTOLA (Leggi qui) L'ULTIMO MESSAGGIO: "BRUCIATE TUTTO" (Leggi qui) Tuttavia i carabinieri del reparto operativo di Viterbo che indagano sull'omicidio-suicidio avvenuto venerdì in un una piazzola lungo la Vasanellese vogliono vederci chiaro su come è stato organizzato e dove è avvenuto l'ultimo appuntamento. Secondo alcune versioni, infatti, la giovane aveva confidato in famiglia, proprio venerdì, di dover incontrare nel pomeriggio Francesco a Orte Scalo. UN COLPO ALLA TEMPIA DI LEI, POI SI SPARA ALLA PANCIA E ALLA TESTA (Leggi qui) FRANCESCO AVEVA PREMEDITATO TUTTO (Leggi qui) LA PIAZZOLA DELLA TRAGEDIA (guarda le foto) L'incontro secondo quanto sarebbe stato accertato dai carabinieri sarebbe avvenuto nei pressi della stazione. Poi la ragazza sarebbe tornata a casa per prendere un casco (sono in corso degli accertamenti per capire se è quello trovato appoggiato sul serbatoio della Kawasaki nera di Marigliani) da restituire all'ex fidanzato e i due si sarebbero dunque incontrati nella piazzola. Silvia dunque era ignara del destino che la stava per attendere. Una volta nella piazzola Marigliani sarebbe salito nell'auto della sua ex e l'avrebbe freddata prima di spararsi due colpi, uno alla pancia e uno alla testa.  ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 20 MARZO O NELL'EDICOLA DIGITALE