Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Accetta un passaggio, ma l'auto era rubata: condannato

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Accetta un passaggio da un amico e si ritrova condannato per il tentato furto di un'auto. Il giudice monocratico Giacomo Autizi ha inflitto ieri mattina una pena di 4 mesi e 104 euro di multa per tentato furto. Il trentenne romeno - che attualmente è detenuto per altra causa - si trovava a bordo, secondo l'accusa, di un'Opel Corsa rubata a Tuscania la notte tra il 26 e 27 dicembre del 2013. L'auto finita fuori strada poco dopo il centro abitato proprio quella notte, fu ritrovata incustodita dai carabinieri che intervennero per l'incidente. All'interno dell'abitacolo venne ritrovato un berretto bianco e rosso - che l'imputato ha riconosciuto come suo - e il cellulare del ragazzo romeno. Per questo è stato incriminato per il tentato furto dell'auto che, secondo gli accertamenti, era stata parcheggiata dal proprietario, poco prima dell'incidente, sotto la propria abitazione. Ieri in aula l'imputato ha reso delle spontanee dichiarazioni sostenendo di aver accettato un passaggio da un connazionale - ha fatto nome e cognome - e di non sapere che l'auto era rubata.