Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Appalti truccati, 5 arresti tra funzionari pubblici e imprenditori

default_image

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

Turbativa d'asta, rivelazione di segreti d'ufficio e corruzione. Con queste accuse cinque tra funzionari pubblici e imprenditori sono stati arrestati la mattina di lunedì 17 ottobre 2016 dagli uomini della Forestale su disposizione del gip e richiesta dei pm Tucci e D'Arma. La nuova inchiesta in materia di appalti (ma anche di licenze commerciali) ha come epicentro il Comune di Acquapendente. Tra le cinque persone finite agli arresti domiciliari, “per ripetuti fatti di turbativa d'asta”, ci sono infatti due noti imprenditori locali del settore edilizio, il 47enne Marco Bonamici e Fabrizio Galli (quest'ultimo, 48 anni, presidente onorario della Vigor Acquapendente), l'ex capo dell'ufficio tecnico comunale Ferrero Friggi (classe 1951) e quello attuale, l'ingegner Vincenzo Palumbo (36 anni), sulla cui estraneità alla vicenda il sindaco Ghinassi è pronto a mettere la mano sul fuoco, nonché il funzionario della Regione Lazio, Giorgio Maggi (45 anni). (Servizio completo sul Corriere di Viterbo del 18 ottobre 2016 - COMPRA L'EDIZIONE DIGITALE)