Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Entrano in casa con gli inquilini addormentati, rubano le chiavi e si allontanano con il Suv

default_image

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

Davvero non c'è pace per Montefiascone. I suoi abitanti, e quelli delle frazioni che circondano l'antico centro sul colle, continuano a ricevere, ormai da mesi, le visite dei ladri. Un'attività instancabile, quella di chi fa, del furto, un mezzo di sostentamento e, alla fine, una vera e propria industria. Gli allarmi, da mesi, si susseguono ininterrotti; la gente, esasperata, chiede certezze e protezione; si attivano le contromisure. E, con qualche indagine, si riesce anche a fare centro: qualche arresto, qualche denuncia. Il fenomeno,però, è evidentemente ben più vasto: soprattutto perchè, se arrivano da fuori e vi tornano rapidamente, le bande, per chi vigila, non sempre sono facili da intercettare. L'altra notte, a Montefiascone, c'è stato un nuovo colpo. I ladri, dalle prime ricostruzioni, sono entrati in azione mentre, in casa, c'erano gli inquilini addormentati. Questi, durante la loro presenza nelle stanze, non si sono accorti di nulla. Soltanto l'indomani, a cose fatte, si sono accorti che, dalla casa, erano sparite le chiavi del Suv e, dal garage, era stato portato via lo stesso mezzo (una hyundai). (Servizio completo sul Corriere di Viterbo in edicola il 1° giugno 2016 o sull'edicola digitale)