Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Furti su commissione di cani di razza, allarme in città

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

L'allarme è stato lanciato soprattutto dalle associazioni animaliste perché i casi si stanno moltiplicando e interessano tutta Italia. I furti su commissione di cani di razza sono in continuo aumento ed anche la città dei Papi non è stata risparmiata da questo fenomeno che sta assumendo dimensioni veramente preoccupanti. Il racket nasce fondamentalmente per due motivi: alimentare il traffico clandestino di animali destinati ai combattimenti illegali, e in questo caso i ladri prediligono razze che per le loro caratteristiche sono più adatte a questo tipo di pratiche; in seconda analisi, invece, vengono presi di mira gli esemplari che il mercato parallelo richiede per la riproduzione, ovvero tutte quelle razze “di moda” del momento, oggi come oggi labrador, pincher nani, chihuahua ecc. Anche nel Viterbese si sono iniziati a registrare furti di questa natura. Dopo qualche caso in ville e abitazioni isolate della provincia, questa volta ad essere portato via dal proprio cortile è stato un esemplare di american staffordshire, conosciuto comunemente come pitbull, che alcuni giorni fa è stato prelevato da un'abitazione nella zona di via Saffi. Il proprietario, al suo ritorno a casa, ha trovato il cancello aperto e all'interno il cane non c'era più. Da escludere categoricamente innanzitutto che qualcuno della famiglia abbia lasciato il cancello inavvertitamente aperto. Qualora, però, così fosse stato - anche se il padrone del cane è convinto con certezza del contrario - la bestiola sarebbe sicuramente rimasta in zona, visto che è un animale estremamente mansueto e tranquillo, e non si sarebbe certamente allontanato. Dopo qualche giorno di ricerche anche attraverso i social network, è parso chiaro che quel cane qualcuno lo aveva portato via e, con ogni probabilità, se l'era venuto a prendere con un'idea precisa. Il cane, oltre ad essere di razza, era un esemplare di un certo pregio e per questo è presumibile che sia stato notato da qualche malintenzionato per poi rivenderlo alle organizzazioni criminali che li utilizzano nelle maniere che abbiamo spiegato.