Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Furti anche in pieno giorno, sale la paura tra gli abitanti delle zone residenziali

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

Una serie di furti o tentativi di furti che stanno preoccupando non poco diversi abitanti delle aree di campagna di Vetralla. Negli ultimi giorni diversi cittadini hanno notato degli strani segni sulle serrature dei loro portoni o cancelli. In alcuni casi si sospetta che si tratti di veri e propri tentativi di forzare le porte: tentativi che, stando a quanto denunciano alcuni cittadini, sarebbero avvenuti anche in pieno giorno. In altri casi invece si sospetta che quei segni vicino a portoni e citofoni siano dei “codici” utilizzati dai ladri per segnalare la presenza degli abitanti durante l'arco della giornata (LEGGI qui). Episodi che hanno fatto crescere la paura tra coloro che abitano nelle zone residenziali, dove i ladri possono agire con maggiore “tranquillità” avendo diverse vie di fuga. Negli ultimissimi giorni è stato rubato un furgone all'interno di un giardino di un'abitazione privata in pieno giorno. E nelle stesse ore, poco più lontano, sono stati segnalati tre tentativi di furto. Ovviamente le varie vittime, da quello che si è appreso, avrebbero presentato regolare denuncia ai carabinieri che, attraverso delle delicatissime e riservate indagini, stanno cercando di dare una risposta immediata. Tuttavia la paura, da quello che emerge sentendo le lamentele di alcuni residenti di quelle aree, sembra che sta prendendo il sopravvento. La preoccupazione è soprattutto legata agli ultimi colpi o tentativi di furto che sarebbero avvenuti in pieno giorno. Insomma i ladri avrebbero studiato a fondo il territorio tanto da sentirsi talmente sicuri da poter agire anche alla luce del sole. In questo senso possono avere un fondamento le preoccupazioni legate ai vari segni lasciati in prossimità delle abitazioni. Infatti tramite questi particolari “codici” le varie bande riescono a comunicare tra loro fornendo informazioni come la presenza di persone all'interno dell'abitazione, la presenza di cani da guardia o il “rango” delle persone che abitano in quella abitazione.