Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Villa Lante nel degrado, qualcosa si muove

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

Un vertice su Villa Lante. E' in programma per la prossima settimana quando a Viterbo approderà non il ministro Franceschini, ma la dottoressa Edith Gabrielli, direttrice del polo museale laziale. Ad anticiparlo è il consigliere comunale di Bagnaia Arduino Troili (che in difesa della frazione viterbese e del suo principale monumento si batte da anni) dopo l'articolo pubblicato dal Corriere sul degrado in cui versa il gioiello rinascimentale: fontane piene di melma, zampilli guasti, aree interdette, sporcizia, foglie secche, alberi caduti e parco chiuso al pubblico (GUARDA le foto). Una situazione di abbandono che ha provocato l'indignazione di alcuni turisti romani giunti a Viterbo nei giorni scorsi proprio per visitare la villa progettata da Jacopo Barozzi da Vignola (lo stesso del Palazzo Farnese di Caprarola) con il suo splendido giardino all'italiana. Da dicembre 2014 Villa Lante è passata sotto la “giurisdizione” del polo museale del Lazio. Verso il quale il sindaco Michelini e lo stesso Troili hanno iniziato un'azione di pressing. Un primo risultato è stato già ottenuto, strappando alla direttrice Gabrielli un incontro in loco. Per quanto riguarda la sporcizia, fa sapere Troili, è dovuta ai tempi burocratici per il rinnovo dell'appalto della manutenzione, scaduto il mese scorso. “Il problema è legato al passaggio di consegne alla nuova ditta - dice il consigliere di Bagnaia -. A breve dovrebbe quindi essere risolto”.