Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

"E' stato un incubo, mi minacciava continuamente di morte"

Esplora:

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

Ennesimo caso di stalking, ieri mattina, nelle aule del Tribunale di Viterbo. A raccontare i fatti, davanti al giudice Rita Cialoni, la stessa donna che avrebbe subìto le minacce da parte dell'imputato, 48enne, dopo averlo lasciato. Come da copione, infatti, l'imputato all'epoca dei fatti sarebbe stato il suo compagno. "Non ha mai accettato l'idea che la nostra storia fosse finita dopo quattro anni di convivenza. Mi minacciava continuamente di morte, mi ripeteva che mi avrebbe incendiato sia la macchina che la casa. Mi tormentava sul telefono di casa, sul cellulare e persino venendo nel ristorante dove lavoravo a Sutri. Mi chiamava con appellativi che mi vergogno a ripetere qui davanti a tutti" ha dichiarato la donna durante la sua testimonianza in aula. (Servizio completo sul Corriere di Viterbo in edicola il 22 settembre 2015 o sull'edicola digitale)