Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Cassia sempre più pericolosa

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

Si sono riuniti nei giorni scorsi alcuni componenti del comitato degli operatori Cotral del trasporto pubblico su gomma, del coordinamento comitati per la riapertura della linea ferroviaria Civitavecchia-Capranica-Orte e per lo sviluppo del trasporto pubblico e il membro dell'osservatorio regionale trasporti per il viterbese, per esaminare la situazione della mobilità e del trasporto pubblico viterbese e dei collegamenti extra provinciali. “In questo primo incontro - dicono i promotori - è stata presa in esame la mobilità sulle strade e la loro insufficiente sicurezza dovuta soprattutto alla mancanza di manutenzione. I presenti hanno quindi preso in esame per primi gli eclatanti problemi della via Cassia, che proprio a causa della mancanza di manutenzione è divenuta tra le più pericolose strade di collegamento extra provinciale. Fondo stradale sconnesso, pieno di buche, divenuto impraticabile, in molti tratti non ci sono paracarri, è priva completamente di guardarail, la segnaletica verticale è ormai completamente invisibile; tra le corsie della Cassia bis sono molto rigogliose le piante spontanee (agacia, sambucoed altre)”. “Tutto ciò - continuano - denota l'abbandono in cui questa importante arteria di collegamento con Roma è stata lasciata e rende necessari interventi urgenti al fine di scongiurare incidenti. Negli anni passati ce ne sono stati anche mortali. I comitati hanno quindi, calendarizzato una serie di incontri per approfondire la situazione di tutto il trasporto pubblico e della mobilità nel viterbese e concordare azioni concrete da intraprendere. Importante sarà la partecipazione e il coinvolgimento dei cittadini dei comitati dei pendolari e delle associazioni”.