Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Atc Viterbo 2, segugisti pronti alla tregua con il nuovo presidente: "Collaboriamo"

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

Il consiglio direttivo Atc Viterbo 2 è in procinto di eleggere il nuovo presidente. Una notizia che rallegra e che nello stesso tempo non risparmia però polemiche alla precedente gestione. “Come associazione segugi e segugisti - dichiarano gli iscritti - non possiamo che essere lieti di questo evento. Tutti i segugisti viterbesi si augurano che il nuovo presidente sia più vicino alla cinofilia, non come ha fatto il presidente uscente, affermando con incompetenza cinofila, unica in Italia,che ‘le prove cinofili sono dannose' così come ha affermato in un articolo del Corriere di Viterbo il 12 febbraio2010. A partire da quella data è stato sempre espresso parere negativo dal direttivo Atc Viterbo 2, sulle prove cinofili nelle zone di addestramento cani di competenza, permesse dalla legge nazionale, a differenza dell'Atc Viterbo 1 che è stato sempre favorevole alle varie iniziative cinofili”. “Questa presa di posizione - continuano - ha penalizzato tutta la cinofilia viterbese, creando ancora più difficoltà hai nostri giovani di avvicinarsi in questo magnifico settore.Con la speranza che idee del genere non facciano più parte del nostro mondo e che il nuovo direttivo Atc Viterbo 2 sia da esempio,creando le nuove zone di addestramento cani,come ha fatto la regione confinante Umbria,e non piccoli recintini che a nulla servono.Se il nuovo presidente lo vorrà l'associazione segugi e segugisti metterà a disposizione la propria esperienza decennale per qualsiasi tipo di confronto”. Insomma, il mondo della cinofilia adesso tende la mano.