Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Prima scappa, poi inveisce contro gli agenti della Polstrada

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

Hanno notato quell'auto con una gomma a terra ed hanno pensato bene di affiancarla, per segnalare il problema e invitare il conducente a fermarsi per porre rimedio a quella situazione di pericolo, per sé e per gli altri. Cosa sia scattato in quel momento nella mente di un 61enne di Vitorchiano non è dato sapere, quando ha visto quella pattuglia della polizia stradale che gli faceva segno di accostare, all'altezza dell'uscita di Bagnaia. L'uomo, invece, ha inspiegabilmente pigiato sul pedale dell'acceleratore e ne è venuto fuori un vero e proprio inseguimento, conclusosi qualche chilometro dopo quando il vitorchianese, visto che gli agenti non mollavano, ha finalmente deciso di fermarsi. A quel punto, però, l'inspiegabile è diventato l'incredibile. Il 61enne ha infatti iniziato ad inveire contro i tutori dell'ordine che invano stavano cercando di spiegargli il motivo del loro inseguimento, ovvero segnalare il problema al pneumatico. Alla fine agli agenti non è rimasto altro che denunciare a piede libero il vitorchianese per resistenza a pubblico ufficiale. Appare francamente incomprensibile il motivo di una tale reazione, nata forse da un equivoco ma sfociata poi nel peggiore dei modi, addirittura con l'epilogo di una denuncia.