Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Talete, i lavoratori si preparano a scioperare

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

L'ossigeno è ormai finito. Lo hanno ripetuto ieri mattina i lavoratori davanti alla seconda commissione consiliare e lo hanno sottolineato i sindacati in una lettera indirizzata alla Prefettura partita ieri mattina. La situazione della Talete si sta facendo sempre più drammatica con il presidente Stefano Bonori che di fatto si ritrova nella stessa situazione di un mese fa quando, per far votare il piano Parca, arrivò a far balenare l'ipotesi delle dimissioni. Ma dopo il via libera “politico” al piano, non sono seguiti i fatti. Ossia i soci, cioè i Comuni, non hanno messo, per ora, né soldi e né garanzie. Risultato, l'azienda rischia di non pagare gli stipendi ed è in fortissime difficoltà a saldare i fornitori, quelli dell'energia elettrica in primis. Una situazione che si sta facendo sempre più critica e che sta mettendo in ansia i 150 lavoratori. Ieri mattina i sindacati - Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec, Ugl e Cisal - hanno inviato altre due lettere in Prefettura. Nella prima si chiede un incontro al Prefetto insieme alla Regione, all'Ato e alla Provincia di Viterbo per fare il punto sulla disastrosa gestione del servizio idrico integrato nella Tuscia. La seconda, invece, è un passaggio formale verso lo sciopero. (Servizio completo sul Corriere di Viterbo in edicola il 4 febbraio 2015 o sull'edicola digitale)