Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fotovoltaico, le sentenze del Tar non preoccupano le associazioni ambientaliste

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

La sentenza del Tar del Lazio, che ha rigettato il ricorso del Mibact contro gli impianti totovoltaici a Tuscania, non preoccupa le associazioni ambientaliste: “Il Tar - dicono - ha chiarito una cosa fondamentale per noi, e cioè che finché il Consiglio dei ministri non si pronuncerà in maniera definitiva sul caso, nessuno potrà costruire niente”. Per approfondire leggi anche: fotovoltaico-tuscania-pian-di-vico-tar-ricorso-sovrintendenza-respinto “Per la prima volta in Italia – spiega Stefano Deliperi, membro del Gruppo di intervento giuridico - è stato affermato il principio per cui il ricorso davanti al presidente del Consiglio dei ministri, oltre ad avere una valenza immediata nel sospendere il provvedimento che si impugna, ne ha anche una prolungata nel tempo, fino alla conclusione del procedimento e non prima. Secondo qualche interpretazione, ad esempio, fino alla prima seduta del Cdm. Nel caso di Pian di Vico Il consiglio dei ministri si è riunito solo una volta, per una riunione che tra l'altro non è servita neanche ad entrare nel merito della vicenda. Ad oggi non sono state convocate nuove sedute sull'argomento. Ma a questo punto poco cambia. Finché non ci sarà una decisione definitiva, è tutto sospeso”.