Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Coronavirus, coppia di Codogno in camper al Lido di Tarquinia

I controlli al Lido di Tarquinia

Alessio Deparri
  • a
  • a
  • a

Centinaia di controlli da parte delle forze dell'ordine, il sindaco Giulivi ha chiuso con ordinanza l'accesso al Lido nel week end dalle ore 14 alle 20 per la giornata di sabato e dalle 8 alle 20 per quella di domenica. L'ordinanza varrà fino a nuova comunicazione. La polizia locale durante i controlli ha rilevato che un uomo e una donna si erano piazzati con il loro camper su un'area di sosta del lungomare, pur essendo residenti a Codogno, proprio il primo focolaio italiano di Coronavirus. Una volta vista la provenienza, i vigili urani hanno allertato il commissariato. Per approfondire leggi anche: Emergenza Coronavirus, bloccati gli accessi al Lido di Tarquinia nel week-end. Controllati anche i pedoni I due hanno sostenuto di essere lontani dal loro paese di residenza da diverse settimane, prima che fosse dichiarata la zona rossa, e che si trovavano in vacanza in Sicilia dove sarebbero rimasti bloccati per diversi giorni una volta emanato il provvedimento che allargava la zona rossa a tutta Italia. Dopo l'identificazione sono stati obbligati tornare a casa con un foglio di via obbligatorio.