Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ambiente, il sindaco di Canepina Aldo Moneta dichiara guerra alla plastica

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Ambiente, il sindaco di Canepina dichiara guerra alla plastica. Raccolta differenziata, riciclo dei materiali: due tra gli imperativi categorici di ogni amministrazione per la salvaguardia dell'ambiente, per la riduzione del conferimento di rifiuti in discarica e, di conseguenza, per rendere meno pesante economicamente il costo del servizio di raccolta. Per l'ennesimo anno, Canepina è stato insignito del riconoscimento di “Comune riciclone” dall'associazione Legambiente, che lo ha collocato al terzo posto nel Lazio nella particolare classifica virtuosa. Un risultato niente male, che conferma ancora una volta i notevoli progressi fatti nel corso degli ultimi anni. Video: La borraccia diventa un accessorio fashion Da qualche tempo, in particolare, l'attenzione dell'amministrazione comunale si è focalizzata, in maniera speciale, sulla riduzione del quantitativo della plastica. Note ormai universalmente le emergenze determinate dall'impiego massiccio di materiali plastici e dal modo colpevolmente disinvolto di abbandonare i rifiuti relativi in ogni dove. “Ridurre in maniera sensibile la sezione di rifiuti riguardante la plastica: questo tra gli impegni indifferibili dell'amministrazione”, ha dichiarato il sindaco di Canepina, Aldo Maria Moneta. Che ha, quindi, precisato: “Il Comune ha aderito ad un progetto dell'istituto comprensivo 'Giovanni Falcone e Paolo Borsellino'; progetto, che si propone di stimolare gli alunni a prendere coscienza del problema ed a mettere in atto misure per ridurne o eliminarne l'impatto ambientale”.