Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il rogo del Puccio salutal'ultima sfilata del Carnevale

Esplora:

Clima primaverile e tanta gente in strada per il gran finale

Alfredo Parroccini
  • a
  • a
  • a

Una giornata primaverile e assolata ha accolto nel migliore dei modi la terza e ultima sfilata del Carnevale Civitonico 2014. Il piacevole pomeriggio ha esaltato la gioia e il divertimento dei figuranti, splendidi nei loro costumi, e la bellezza dei carri allegorici realizzati con grande perizia e maestria. Il corteo carnevalesco, tra lanci di coriandoli e stelle filanti, ha espresso tutte le sue allegre e scanzonate potenzialità offrendo al pubblico, assiepato sui due lati del percorso che da piazza della Liberazione arriva fino a piazza Giacomo Matteotti, uno spettacolo variopinto ed esilarante accompagnato da musiche e da balli ininterrotti. Figuranti e spettatori sono stati coinvolti in un unico clima di allegria e di buon umore secondo la tradizionale regola che “a Carnevale ogni scherzo vale”. La domenica carnevalesca è terminata con il rogo del Puccio a piazza Giacomo Matteotti che ha concluso questa lunga festa popolare e folcloristica che è presente nell'animo dei civitonici e vissuta come uno dei momenti clou e irrinunciabili dell'intero anno solare. Un appuntamento talmente sentito che alcuni figuranti non si sono persi neanche una sfilata da oltre quaranta anni. Una nota di merito va rivolta alla simpatica ed estroversa banda folcloristica La Rustica che apre, con i suoi strumenti pazzi ed originalissimi, il corteo, dettando i tempi del suo passaggio tra al folla. Un Carnevale 2014 che non ha di certo tradito le attese della vigilia e che ha dimostrato soprattutto che, a Civita Castellana, la voglia di divertirsi in maniera spensierata non sparirà mai.