Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, il sindaco di Civita Castellana Franco Caprioli rilancia la commissione speciale sull'ospedale

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

E' stata una visita molto gradita , e per certi versi anche inaspettata, quella che il giorno della vigilia di Natale il sindaco Franco Caprioli ha effettuato all'ospedale Andosilla. Il primo cittadino di Civita Castellana, accompagnato dal presidente del consiglio comunale Valerio Turchetti, dal professor Fabio Cesare Campanile e dal presidente dell'associazione Onlus “Una Mano al tuo ospedale” Luciano Caregnato, visitando tutti i reparti del nosocomio civitonico, ha portato gli auguri natalizi suoi e dell'amministrazione comunale ai primari ( che nonostante il periodo festivo erano tutti in servizio a conferma della buona sanità che regna all'Andosilla) e al personale medico-infermieristico, soffermandosi a parlare anche con alcuni pazienti ricoverati. Un gesto cortese e gentile che è stato assai apprezzato. A ll'evento era presente anche l'ex vicesindaco della giunta Giampieri Francesco Urbanetti che, in accordo con il sindaco Caprioli, ha proposto la ricostituzione della commissione comunale speciale sull'Andosilla al fine di dare sostegno alla sanità locale. La commissione comunale speciale sull'Andosilla, istituita dalla giunta Angelelli di centrosinistra, era formata da tre componenti (fu eletto come presidente Francesco Urbanetti che sedeva sugli scranni dell'opposizione) e lavorò per alcuni anni fino al 2014 quando poi si decise di non rinnovarla. Eppure nell'anno 2012, grazie anche all'impegno di questa commissione, venne inaugurato il Cup ossia il Centro Unico di Prenotazione che facilitò (e facilita oggi) i pazienti per le pratiche di prenotazione degli esami e per i pagamenti dei ticket sanitari.Durante la visita si è parlato anche delle problematiche inerenti il pronto soccorso dove tra l'altro non esiste ricezione telefonica per i cellulari a discapito della comunicazione tra pazienti e familiari. Un problema che si cercherà di risolvere quanto prima. Si è affrontato pure il caso della sciagurata chiusura del reparto di terapia intensiva avvenuta alcuni anni orsono e che sta penalizzando o quanto meno sfavorisce l'Andosilla. Una sua eventuale riapertura sarebbe davvero un toccasana per il nosocomio civitonico. Il sindaco Franco Caprioli e la sua Giunta hanno espresso la ferma volontà di aiutare, per quanto è possibile e di loro competenza, l'ospedale Andosilla “che va potenziato perché da sempre punto di riferimento essenziale per tutta la vasta utenza del comprensorio”.