Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Nuove indagini sul "soggiorno" di Driss

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Alcuni racconti che non tornano, poi quei contatti, seppur virtuali che Driss Oukabir, uno degli arrestati per l'attentato sulla Rambla a Barcellona, ha sempre mantenuto con l'Italia. Il pm della Procura di Roma, Tiziana Cugini ha deciso di vederci chiaro ed ha affidato, da quello che si è appreso, una specifica delega per scavare sia sul periodo che Driss ha trascorso in Italia, in provincia di Viterbo, ospite di una quarantenne. La donna è stata già ascoltata, nelle ore successive all'attentato, dalla Digos di Viterbo. Ma alcune dichiarazioni apparse nei giorni successivi su diversi organi di stampa hanno suggerito un approfondimento di indagine. La delega delle indagini relative alla morte dei due ragazzi Italiani sono state affidate ai carabinieri del Ros di Roma. Bisognerà capire ora se saranno i militari a svolgere in nuovi accertamenti sul soggiorno viterbese di Driss Oukabir o se sarà ancora la Digos di Viterbo ad essere chiamata in causa. ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 23 AGOSTO E NELL'EDICOLA DIGITALE