Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Cagnolino ucciso a fucilate: "ricompensa per chi darà infomazioni"

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Un cagnolino meticcio di 4 anni ucciso con un colpo di fucile d aria compressa. L'animale è stato ferito il 4 luglio nel centro storico di Vallerano ed è morto dopo tre giorni di agonia. L'episodio sta generando sdegno in tutta la provincia. Dura la presa di posizione del Movimento Animalista di Viterbo che tramite una nota promette una ricompensa a chi fornirà informazioni utili per individuare i responsabili. Ecco il testo della nota firmata dalla coordinatrice provinciale Antonella Bruni: "Adesso basta. L'abbiamo gridato a migliaia in piazza . 'Giustizia per tutti', non si possono fare sconti alla violenza . né quando riguarda gli esseri umani, né quando colpisce gli esseri viventi e senzienti, capaci di gioire, amare , ma anche soffrire come gli animali.La mano omicida che ha sparato al piccolo e indifeso Willy a Vallerano deve essere individuata e punita, senza sconti anzi in modo esemplare. Lo chiediamo a gran voce alle forze dell'ordine che sappiamo doversi muovere tra mille difficoltà, sotto stress ogni giorno, mal pagati rispetto  l'impegno costante e importante che richiede il loro servizio . Sappiate che la  gente perbene che, nonostante tutto,  non è in estinzione in questo Paese,comprende le vostre straordinarie difficoltà e vi è immensamente grata per il lavoro che svolgete ogni giorno. Voi sapete anche, però,   che la violenza è un virus crescente, che si alimenta nella ripetitività del gesto, che si fortifica nella progressiva impunità, dilagando molto spesso nell'abitualità e nella serialità. La criminologia,  è utile ripeterlo, identifica alcuni elementi nel profilo del serial killer e fra essi, oltre che l'enuresi notturna e la piromania, c'è la violenza sugli animali. Il nostro appello di un lavoro sinergico che faccia luce su questo ennesimo e insopportabile caso di spietata violenza contro un nostro migliore amico è rivolto anche alla Procura, che sappiamo svolgere il proprio lavoro con perizia e puntualità, uniti, molto spesso, ad una sensibilità particolare verso coloro che non hanno voce. Un ulteriore appello è per gli abitanti di Vallerano , un paese che non merita di essere additato come omertoso difronte un atto così odioso e violento. L'assassino ha agito nel centro storico, e' impossibile che nessuno abbia sentito o addirittura visto nulla. Il Movimento Animalista, che rappresento qui a Viterbo, è pronto a mettere una congrua ricompensa  per chi fornirà informazioni utili a inchiodare il mostro che vive tra noi e deve essere smascherato e punito".