Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Indagati per una perizia, il pm chiede l'archiviazione

default_image

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

Due dentisti, uno dei quali viterbese, compariranno il prossimo settembre davanti al giudice, per rispondere di lesioni - che sarebbero state gravissime - ai danni di un noto professionista. Il, processo, a quanto si apprende, si svolgerà a Roma, foro competente: ma, oltre a essere viterbese uno dei due imputati, ha anche la sua attività a Viterbo il professionista che, con la sua denuncia, ha attivato l'azione penale. In un procedimento civilistico, era stata sollevata la questione dei danni: della loro qualificazione e quantificazione. Ebbene, lo stesso professionista che si assumeva danneggiato, aveva denunciato quattro noti specialisti romani perchè, nel corso della loro perizia, avevano affermato essere, i danni stessi, “minori”; inoltre, non avrebbero tenuto conto del fatto che, singolarmente, uno di loro era per l'appunto consulente di quell'assicurazione che, di fronte ai danni di questo genere, viene chiamata a intervenire. In questo caso, la denuncia è stata presentata alla Procura di Viterbo. E il magistrato inquirente, stando alle indiscrezioni, avrebbe chiesto l'archiviazione del procedimento. Archiviazione cui, ovviamente, verrebbe presentata opposizione da parte dello stesso professionista parte lesa. Insomma, il caso sembra, per il momento, lontano dalla conclusione. (servizio completo sul Corriere di Viterbo del 14 giugno 2016 o sull'edicola digitale)