Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Truffa Inps, ecco tutti i nomi finiti nell'inchiesta

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

Ecco chi sono i 19 indagati finiti nell'inchiesta della Fiamme Gialle sulla presunta truffa Inps. L'ex consigliere regionale del Pd Giuseppe Parroncini (Tuscania, 5 aprile 1950) e il presidente del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa Massimo Mecarini (Viterbo, 12 agosto 1959) sono i nomi più noti finiti al centro di questa inchiesta, al pari del primario del pronto soccorso di Belcolle Bruno Maria Mongiardo (Sant'Andrea Apostolo dello Ionio, 6 aprile 1952), padre della consigliera comunale del Pd Melissa. Nel mirino della Finanza sono finiti anche l'ex sindaco di Ronciglione Massimo Sangiorgi (Ronciglione, 12 gennaio 1950); il pediatra Stefano Ruspantini (Roma, 3 agosto 1958), marito della consigliera comunale del Pd e primario di senologia a Belcolle Patrizia Frittelli; il consigliere comunale di Vetralla Mauro Patrignani (Vetralla, 8 maggio 1968), uscito dalla maggioranza che sostiene il sindaco Sandrino Aquilani solo quale giorno fa. E ancora: Giuseppina La Sala (San Severino Lucano9 settembre 1966); Rita Tinnirello (Vetralla, 10 maggio 1968); Rossella Pari (Roma, 1° gennaio 1954); Alfredo Brizi (Piansano, 18 settembre 1947); Manlio Padovan (Viterbo, 31 ottobre 1947); Tiziana Giorgi (Tarquinia, 12 novembre 1954); Andrea Filoscia (Viterbo, 30 ottobre 1961); Renato Geri (Viterbo, 12 maggio 1961); Sandro Moscetti, poliziotto (Montefiascone, 11 settembre 1961); Franco De Sanctis (Contursi Terme, 24 dicembre 1947); Anna Lisa Sanna (Roma, 5 novembre 1965); Cosimo Raona (Corsano, 15 agosto 1964); e Loretta Chiarapini (Viterbo, 20 luglio 1952).