Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Morto l'uomo trovatoavvolto dalle fiamme

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

E' morto l'anziano (88 anni) trovato coperto di ustioni, accanto all'auto bruciata. Qualsiasi spiegazione finora data ai fatti, accaduti a Valentano, non è apparsa convincente. O, almeno, non è risultata - per il momento - suffragata da prove. L'unica certezza è che, l'altra mattina, Francesco Cicconi, una vita specchiata, un passato da agricoltore che - in un'azienda a carattere familiare - lavorava il grano con la mietitrebbia, è stato trovato, vicino al bivio per Ischia di Castro, in condizioni disperate. Con ustioni di quarto grado. Si rotolava, avvolto dalle fiamme, secondo la reazione tipica di chi, all'improvviso, è attaccato dal fuoco. E' stato il figlio che, dopo averlo scoperto, ha dato l'allarme. C'è stato il rapido arrivo dei soccorritori - eliambulanza Pegaso e vigili del fuoco di Gradoli - mentre, per gli aspetti investigativi, sono immediatamente accorsi i carabinieri. L'uomo, dopo essere stato stabilizzato, è stato accompagnato, con l'assistenza del personale specializzato di bordo, al Sant'Eugenio dove, a quanto si è appreso, è stato subito ricoverato nel reparto grandi ustionati. Ma come detto, non ce l'ha fatta: è morto nella notte. Due le ipotesi. La prima è che, trattandosi di un fumatore, l'uomo, mentre guidava, sia stato “contagiato” dalla cenere accesa che, cadendogli sui vestiti, li abbia incendiati, così da trasformarlo in una torcia. I carabinieri, però, non avrebbero trovato traccia di sigarette. Un'ipotesi, questa, che si fonda essenzialmente su un fatto: l'uomo, a detta di chi lo conosce, è un fumatore. L'altra ipotesi, raccolta in zona, è legata alle sterpaglie. L'auto, durante l'abbruciatura delle sterpaglie, sarebbe stata, per cause accidentali, avvolta dal fuoco. L'uomo, nel tentativo di recuperarla, avrebbe finito per essere lambito dalle fiamme che, in breve, l'avrebbero attaccato. L'auto, una Matiz, è stata trovata completamente bruciata. A spegnere il rogo, come detto, sono stati i vigili del fuoco del distaccamento di Gradoli. Pare da escludere, in ogni caso, un'azione aggressiva. Non sarebbe stato, insomma, nè un furto finito male nè, tantomeno, un tentativo di omicidio. Nella vita dell'uomo, assai stimato dalla popolazione locale, non ci sono macchie.