Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Ferito un bambino caduto sui cocci di bottiglia

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

“Comportamenti deplorevoli, da incivili. Debbono vergognarsi gli autori di scempi simili”. È furioso Federico Grattarola, il sindaco, nel pronunciare le parole di apertura. Il riferimento è al modo di comportarsi, dei giovani in particolare, nel giardino Sisto Bruni, periferico spazio verde amplissimo in località Talano. Rifiuti, deiezioni canine, cocci di bottiglie abbandonati in maniera disinvolta, irrispettosa. Nella bella stagione segnatamente, il giardino è frequentato anche da anziani e da famiglie con i figli infanti, che giocano in sicurezza. In sicurezza non tanto e non sempre. Due giorni addietro, infatti, un bambino di sette anni è caduto ed è finito su un coccio di bottiglia. Risultato: sette punti di sutura ad un braccio. Vibrate le proteste dei familiari, che si sono aggiunte a quelle, avanzate da tempo, di numerosi cittadini. Ancora il sindaco: “Domenica scorsa un operaio del Comune ha raccolto due sacchi di vetri rotti, malgrado la presenza di secchioni per la raccolta dei rifiuti. Per non parlare dei “bisognini” sparsi ovunque. Situazione insostenibile. L'Amministrazione è decisa a prendere ulteriori provvedimenti per stroncare il malcostume”. Il disappunto di Grattarola è conseguente anche ad innumerevoli rimostranze di residenti per schiamazzi fino a notte tarda.